Il Tirreno

Calcio

Massese, Cantoni: «Condizionati dall’arbitro»

di Alessandro Tabarrani
Massese, Cantoni: «Condizionati dall’arbitro»

Massese, esplode la protesta del direttore generale bianconero Augusto Cantoni dopo il rocambolesco 3-3 in casa dello Zenith, con gli apuani avanti per 3-1

26 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





MASSA. La Massese, in vantaggio di due reti nella ripresa, si fa rimontare dallo Zenith Prato e perde una grande occasione per fare un balzo importante in classifica.

I bianconeri, puniti in pieno recupero, tornano a casa con un solo punto, anche a causa di un arbitraggio contestatissimo, zeppo di topiche anti - bianconere. Alla fine la rabbia è tanta, e a parlare è il direttore generale Augusto Cantoni (nella foto). «Non fa parte della mia etica appellarmi al comportamento arbitrale - ha detto il direttore generale August Cantoni -, ho sempre accettato il risultato a prescindere. Oggi (ieri, ndc) non ci sto, non posso accettare che un arbitro con le sue decisioni cervellotiche alteri in modo così eclatante un risultato. Dobbiamo guardarci sempre dentro per capire se dobbiamo riparare a eventuali errori commessi, ma veder sfuggire per errori arbitrali una vittoria ottenuta meritatamente sul campo fa decisamente rabbia. Si nota benissimo, a partire dai quartieri professionistici, che gli arbitri sono ormai la magagna di questo sport, e lo dico dopo aver visto questo indegno spettacolo. Posso ben dire di aver ritrovato la squadra che avevo sognato, sono orgoglioso dei ragazzi, noi abbiamo vinto e saremo in futuro ancora più forti del vento e della pioggia».

Al microfono anche l’allenatore in seconda Michael Gabrielli che analizza: «Siamo stati bravi a ribaltare subito il gol subito a freddo, poi senz’altro l’espulsione ci ha un po’ condizionato, anche se devo dire che da parte dell’arbitro qualcosa si è visto...». L’interlocutrice insiste sul tema arbitro e ammette: «Insomma, si è visto un po’ tanto, ma purtroppo è andata così». Adesso bisogna guardare avanti, con una Massese che è sicura dei propri mezzi e aveva avuto la forza di ribaltare dall’1-0 all’1-3 in casa di una formazione che comunque ha una classifica significativa. «Sì - aggiunge il tecnico in seconda dei bianconeri - testa al girone di ritorno, e sappiamo che faremo un grande ritorno perché i ragazzi vanno a duemila». Al di là della doverosa amarezza per una vittoria sfuggita all’ultimo tuffo per delle decisioni discutibili, resta da salutare un’altra prova convincente, come d’altra parte ha rimarcato anche il direttore generale.

Come scriviamo nella pagina a fianco, Scarf, subentrato all’inizio del secondo tempo a Bertonelli, purtroppo si è fatto ammonire per due volte in poco meno di un quarto d’ora. Per i locali tripletta di Chiaramonti; per i bianconeri, Buffa su rigore, poi autorete di Castiello su gran tiro di Maggiari e ancora Maggiari con una mezza rovesciata. A seguire il rigore contestato e l’ultimo gol probabilmente viziato da un fallo di mano.

 

Il caso
L’esecutivo alle terme

Studenti manganellati, il governo dei duri in masseria: a Saturnia il gelo dei ministri e la scossa di Giani

di Mario Neri
Le nostre iniziative