Il Tirreno

Il progetto

Massa, i commercianti contro l'ipotesi mercato sul viale Roma: "Lì non funziona”

Massa, i commercianti contro l'ipotesi mercato sul viale Roma: "Lì non funziona”

No al trasloco dal centro: «L’esperienza-fallimento del 2011/2017 insegni»

28 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





MASSA. Non piace ai commercianti l’ipotesi accarezzata dall’Amministrazione comunale di spostare il mercato ambulante del martedì lungo viale Roma. Ecco i motivi dell’altolà espressi da Confcommercio e Confimprese dopo aver tastato il polso agli iscritti.

Il precedente Innanzitutto il pensiero delle associazioni che tutelano i commercianti va al passato: «Sull’area individuata dal Comune – dicono – esiste un precedente fallimentare». Era il 2011 quando per effetto dei lavori dei Piani integrati di sviluppo urbano sostenibile (Piuss) in piazza Aranci e piazza Mercurio il mercato venne spostato sul viale Roma per sei anni. Al momento del trasloco – rammentano Confcommercio e Confimprese – le attività ambulanti erano 220; nel 2017, al ritorno in centro, erano scese a 180; 40 licenze, oltre il 18 per cento del totale, erano state riconsegnate dagli operatori al Comune.

Ora funziona E veniamo a l dato recente. Dal 2017 a oggi, nonostante la fase storica che il mondo degli ambulanti sta vivendo ovunque, il numero delle licenze è a quota 160, secondo le associazioni, «vicino, a quello di sette anni fa». «Morale della favola? Il mercato in centro funziona, sul viale Roma no».

Il pressing del 2017 Confcommercio e Confimprese ricordano anche che nel 2017, c’era la giunta del sindaco Alessandro Volpi, «l’opposizione di centrodestra giocò un ruolo importante nel portar via il mercato dal viale Roma, sentite le lamentele degli operatori». Eppure «oggi il centrodestra, al governo della città, propone quella sede». «Cosa è cambiato nelle valutazioni?», si chiedono le due assiciazioni.

La proposta Quando il Comune espresse la volontà di liberare piazza Aranci perché diventi luogo di eventi sia invernali che estivi, le associazioni di categoria fecero una proposta «che consentirebbe di liberare piazza Aranci, salvaguardando però il mantenimento del mercato all’interno del centro storico».

Il sondaggio E, ultimo aspetto, «L’amministrazione comunale – aggiungono Confcommercio e Confimprese – aveva predisposto un sondaggio fra gli ambulanti, nel quale veniva chiesto loro un parere sull’ipotesi di spostamento del mercato settimanale in viale Roma». Ebbene, il 70% degli intervistati ha espresso parere negativo, ma di quel sondaggio non si è saputo più nulla».

Perché no L’area di viale Roma «è sbagliata per più motivi – secondo il mondo dell’impresa – Danneggia i negozi del centro in sede fissa, che lavorano col flusso di persone generato dal mercato; non è dotata di servizi aggiuntivi; obbligherebbe i banchi a dislocarsi su una superficie ridotta rispetto a quella del centro (da sette metri per cinque a sette metri per 4, 25, con riduzione dello spazio per gli operatori) ; scontenta gli stessi residenti, che già negli anni scorsi lamentavano di esser prigionieri dei banchi nei giorni di mercato e il fatto che molte persone». Cofcommercio e Confimpresa chiedono un’audizione in sede di commissione consiliare attività produttive, «che sinora non ci hai convocati né ascoltati su questa importantissima questione. In caso contrario gli ambulanti sono pronti organizzare forme di protesta». l
 

Primo piano
Il brutto gesto

Vandalizzate quattro sculture di Giò Pomodoro in mostra a Pietrasanta