Il Tirreno

Il personaggio

Un carrarese mette a tavola oltre trentamila brasiliani, Davide Bernacca e un impero da 65 milioni di fatturato

di Alessandra Vivoli

	Davide Bernacca
Davide Bernacca

Proprio questo mese festeggia i 10 anni della sua catena di ristoranti a San Paolo, che portano il nome di “Bottega Bernacca”

04 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





CARRARA. Dallo shipping, la BSSI (Bernacca shipping service international) alla ristorazione, con un’apertura ai boutique hotel di lusso.

Da Carrara al Brasile e alla Svizzera (è qui che ha sede la holding con cui controlla tutte le sue attività) fino, in un prossimo futuro a Hiroshima dove sbarcherà il primo ristorante italiano che porta la sua firma.

Lui è il carrarese Davide Bernacca, un “portatore sano” del modello apuano per quel che riguarda la ristorazione, l’accoglienza e lo shipping.

Proprio questo mese Bernacca festeggia i 10 anni della sua catena di ristoranti in Brasile a San Paolo, che portano il nome, ormai notissimo, di “Bottega Bernacca”. Con le prossime due aperture avrà all’attivo, in Brasile, sei ristoranti italiani e due giapponesi, Kuro e Geiko San.

Con questa rapida espansione – tutto è avvenuto in dieci anni – Bernacca conta di arrivare a mettere a tavola circa 30000 (trentamila) persone al mese circa 360000 (trecentosessantamila) all’anno e di raggiungere un fatturato di 65 milioni. «Ormai – sostiene Davide Bernacca – siamo protagonisti nella ristorazione brasiliana e contiamo di espanderci presto anche internazionalmente fuori dal Brasile».

Una avventura di successo. La passione che i due soci Davide Bernacca e lo chef Gerard Barberan hanno per la cucina Italiana e giapponese li porteranno presto ad aprire il primo ristorante fuori dal Brasile, in Giappone, ad Hiroshima. «La Nostra intenzione – sottolinea Bernacca – è di aprire solo in posti speciali, iconici, la nostra espansione seguirà appunto queste linee guida».

Nei futuri progetti dell’imprenditore carrarese ci sarà poi l’apertura di una catena di piccoli hotel/resort di lusso con il nome di “Locanda Bernacca”, la prima sarà a proprietà dei Bernacca a Punta dell’Este, oggi ancora ad uso esclusivo della famiglia.

Davide Bernacca è residente da qualche anno in Svizzera e controlla con una Holding attività ’di logistica, trading e shipping (BSSI: Bernacca Shipping international) ed appunto Bernacca Food &Beverage partecipacoes Brasile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La decisione

Studenti manganellati a Pisa e Firenze: rimossa una dirigente del reparto mobile

Le nostre iniziative