Il Tirreno

Lucca

Lucchese Settimana d’attesa per definire le strategie

Lucchese Settimana d’attesa per definire le strategie

Tra luglio e agosto il club dovrà versare altre 300mila euro

08 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Un mese di tempo – dall’11 giugno al 15 luglio – per definire strategie e chiarire quale sarà il ruolo della Lucchese nella stagione 2024-25. A oggi sono tanti i punti interrogativi sul tavolo: dall’allestimento dell’organico al settore giovanile tenendo ben presente che il Gruppo Bulgarella ha rilevato una società indebitata e che, senza il suo intervento, non si sarebbe iscritta in C nel giugno 2023. Debiti che, nonostante gli sforzi della proprietà, non sono ancora stati azzerati (nel frattempo ne sono stati fatti altri con l’emissione di decreti ingiuntivi tutti di importo decisamente inferiore ai 30mila euro) e devono essere messi in conto anche i nuovi pagamenti previsti a luglio e agosto (circa 300mila euro) quando verrà allestita la rosa della stagione 2024-25. A detta del presidente si tratterà di un organico formato al massimo da 20-22 elementi e integrato da ragazzi della Primavera 3 (Leone e Babacar per fare due esempi). Giorgio Gorgone che, nonostante certe critiche decisamente fuori luogo visto l’organico a disposizione, è riuscito a portare in porto la nave rossonera, oltre a essere un serio professionista è un tecnico che ama le sfide. É disponibile a restare e ha rifiutato un paio di concrete possibilità (un’avance con il Rimini che, vista la titubanza del mister, ha scelto Buscé) perché vuol cercare di migliorarsi e migliorare la squadra. Chiede però garanzie su almeno cinque-sei elementi in grado di alzare il livello tecnico e al presidente – a cui è molto affezionato – di non creare aspettative troppo alte che poi, giocoforza, non possono essere mantenute. Dalla prossima settimana con il patron e probabilmente il tecnico in sede inizierà a prendere forma la nuova Lucchese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Elezioni

Ballottaggi in Toscana, si vota in 18 città: seggi aperti oggi e domani. Le 4 sfide ad alta tensione

di Mario Neri