Il Tirreno

Lucca

Tau Calcio un poker al Trestina per blindare la zona playoff

di Michele Citarella
Tau Calcio un  poker al Trestina  per blindare la zona playoff

Capparella e Malva trascinano gli amaranto che scavalcano il Seravezza

29 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





ALTOPASCIO. Qualità, concentrazione e superiorità fisica. Tutte queste le armi messe in campo dal Tau che hanno contribuito a prendere tre punti al cospetto di un Trestina salvo, ma destinato a chiudere con la matematica la pratica della permanenza in D. In merito alle formazioni, Ciampelli sceglie copertura del centrocampo affidando le operazioni di attacco alla coppia Tascini e Di Nolfo. L’avvio di gara vede subito il Tau in avanti con il Trestina pronto a colpire. Al primo vero affondo, i locali passano in vantaggio. Scocca il 14’ quando da calcio d’angolo nasce un’azione prolungata con possesso palla amaranto. Antoni crossa al centro e la difesa umbra respinge. Da fuori area è Zini a infilare alle spalle di Fiorenza. Il Tau gioca in scioltezza: senza Bernardini in difesa, Zini e Biagioni si mostrano padroni nel controllare Tascini mentre sulle corsie Antoni e Alessio hanno ampi spazi con Bucci e Dottori preocupati a chiudere e proteggersi le spalle. Dopo il vantaggio, arriva il raddoppio. Bravo Malva a controllare un pallone vagante e a reggere l’urto delle sportellate dei difensori centrali avversari. I difensori del Trestina soffiano il pallone a Malva servendo però involontariamente Capparella che controlla e mette in rete a due passi. Il Trestina è in difficoltà. Di Nolfo è il più pericoloso e va vicino al gol in modo rocambolesco a metà del primo tempo con un calcio di punizione deviato dalla barriera. Il vento è insidioso e la traiettoria porta il pallone a sfiorare il palo alla destra del portiere Di Biagio. Nella ripresa il Tau Calcio chiude la partita. Segna Bruno dopo una mischia in area nata da calcio d’angolo. Protesta il Trestina per un pallone forse non entrato, ma l’assistente di gara conferma la decisione del direttore di gara e assegna il gol. In campo si rivede Bruzzo, con il naso fratturato protetto da una maschera semi facciale. Con il risultato al sicuro, spazio ai cambi e largo ai giovani quali Quilici e Bargellini. Il Tau Calcio non cede di un millimetro ma continua a segnare. Al 38’ giunge infatti la quarta rete: il cross dalla bandierina di Capparella è perfetto sul primo palo dove si presenta Meucci, autore della girata di testa con palla tra palo e portiere. Chi pensava ad un Tau Calcio appagato, si deve ricredere.

A fine gara, lo stesso tecnico Simone Venturi ammette il desiderio di raggiungere le prime cinque posizioni: «Ci aspettano cinque gare in cui vogliamo provare a fare più punti possibili. Alla prossima stagione penseremo dopo, siamo concentrati sull'oggi e su ciò che accadrà nelle settimane successive alla Pasqua».


 

Primo piano
Il processo

Chiesti 3 anni 6 mesi per Lucarelli, Apolloni e tre amici: l’accusa di violenza sessuale

Sportello legale