Il Tirreno

Lucca

ciclismo 

Il giovane Edoardo Cipollini protagonista a Civitella con uno sprint fulminante

Il giovane Edoardo Cipollini protagonista a Civitella con uno sprint fulminante

28 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Una troupe della Rai è venuta a Lucca per intervistare la giovane promessa del ciclismo lucchese Edoardo Cipollini, per un servizio che verrà trasmesso da Rai Sport nella trasmissione di domani, giovedì 29 aprile, nella trasmissione Radio Corsa.

Il servizio curato dal giornalista Stefano De Agostini era già stato programmato da una decina di giorni, considerando l’ottimo inizio di stagione che ha visto il giovane Cipollini sempre fra i protagonisti.

Domenica scorsa fra l’altro Edoardo ha ottenuto la seconda vittoria stagionale ad Albergo di Civitella in Val di Chiana (Arezzo), in una gara che ha visto al via oltre 150 corridori e che lo ha visto trionfare con uno sprint fulminante nel quale ha superato l’emiliano Maioli, vincitore la settimana precedente in uno sprint di gruppo e il toscano Failli, vincitore a fine marzo della Coppa Giuseppe Cei.

L’unico rammarico di Cipollini in questo primo scorcio di stagione è proprio la caduta che lo ha visto coinvolto a duecento metri dall’arrivo della corsa di Monte San Quirico, quando stava per lanciare lo sprint. Quest’anno ha cambiato squadra andando a difendere i colori della Fosco Bessi Calenzano, una società nella quale resterà anche nei due anni successivi quando gareggerà nella categoria Juniores.

Oltre a Edoardo è stato intervistato anche il papà Cesare, ex professionista, che ha gareggiato nella categoria maggiore ben quattordici anni e che oggi è il primo consigliere del figlio.

Pur essendo ancora un allievo, Edoardo ha fatto un breve racconto dei suoi primi anni di attività da quando iniziò nella categoria G1 con il Pedale Lucchese Poli: è stato intervistato anche Pier Luigi Poli, suo primo mentore. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
L’analisi

Astensionismo in Toscana, da Berlinguer a Vannacci perché alle Europee si vota sempre meno

di Libero Red Dolce e Federica Scintu