Il Tirreno

Lucca

Polemica a Palazzo Orsetti: interrogazione urgente del Pd

Lucca, l’errore di un messaggio in chat fa scoppiare il “caso Susini”

di Pietro Barghigiani
Lucca, l’errore di un messaggio in chat fa scoppiare il “caso Susini”

In otto righe girate ai consiglieri dal capogruppo di Lucca 2032, la dirigente tecnica di Sistema Ambiente appare come il “problema” su cui far intervenire il socio privato Iren

28 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. A Sistema Ambiente hanno un problema. Il servizio dei rifiuti non c’entra. Per qualcuno è il dirigente tecnico Caterina Susini, ex Sea. Lo si apprende da un messaggio WhatsApp inoltrato con un incauto invio da Stefano Pierini capogruppo di Lucca 2032 alla chat del consiglio comunale. Un messaggio ricevuto non si sa da chi, spedito per sbaglio ai colleghi dell’assemblea e poi cancellato dal presidente Enrico Torrini. Ma ormai la frittata, come si dice, era fatta ed è stata denunciata da un sito locale "Gazzetta di Lucca". Ecco il testo dalla paternità ancora sconosciuta: «Ciao cerca di rimarcargli importanza che sia lui stesso e non GDG o Bulgarella o altri a parlare con Iren. Lui ha l’autorevolezza che la carica di sindaco gli dà di poter parlare con il socio di minoranza e chiedere di risolvere il problema Susini? » E qui sta il punto che ha scatenato le polemiche con un’interrogazione urgente del Pd che chiede al sindaco di riferire in consiglio sul “problema Susini”.

Se la dirigente al Tirreno dice: «Non rilascio dichiarazioni, ma appena avrò chiaro il percorso vi contatterò», il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro, la cui sigla Gdg è di uso comune, si chiama fuori: «Con Susini non ho contatti da anni, da quando lasciò Sea. Non so niente di questa cosa, né come sia nata». Anche il presidente della Lucchese Andrea Bulgarella cade dalle nuvole: «Non conosco le persone citate in quel messaggio, non ho contatti personali con Sistema Ambiente. Non so davvero cosa dire». Iren è il socio privato di Sistema Ambiente con il 36, 54 per cento delle quote. Ma in che modo e in quale contesto ci sia qualcuno che ritiene l’ingegner Susini un problema è un aspetto ancora sconosciuto. E se qualcuno rimanda simili manovre a mosse di un fuoco amico all’interno della maggioranza, il sindaco Mario Pardini annuncia che in occasione della conferenza stampa di fine anno in programma domani risponderà alle domande che da ieri mattina gli vengono rivolte. Magari anche oggi in consiglio comunale in risposta all’interrogazione dei cinque consiglieri del Pd che scrivono «come riportato dalla testata “La Gazzetta di Lucca”, la sera del 24 di dicembre alle 21, 18 il consigliere Stefano Pierini di Lucca 2032 invia nella chat dell’intero consiglio comunale». Scrive il capogruppo Francesco Raspini su Facebook: «Perché il sindaco avrebbe bisogno dell’intervento del presidente della Lucchese o di un altro sindaco per interloquire con il socio privato di una società pubblica di proprietà del Comune? È troppo pretendere che le questioni che riguardano un dirigente dell’azienda vengano affrontate senza mettere in mezzo il sindaco di Viareggio o un imprenditore privato che nulla c’entrano, né con l’azienda né con la persona interessata? Chi ha girato quel messaggio al consigliere Pierini? E perché costui era preoccupato che il sindaco gestisse la cosa da solo, anziché tramite terzi? Perché c’è bisogno di precisare con questa dovizia di dettagli – e di nomi! – una cosa che sarebbe ovvia? Se il misterioso autore del messaggio inoltrato da Pierini è un mitomane, allora si spieghi chi è. Se invece non è così, perché magari Pardini ha davvero pensato di utilizzare quelle sponde per contattare Iren, socio del Comune in Sistema Ambiente, allora sia il sindaco a rispondere a questo domanda: sindaco, lei è in grado è esercitare le sue funzioni con autonomia o è lì solo per metterci la faccia mentre a Lucca governa qualcun altrol


© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport