Il Tirreno

Lucca

Polizia

Picchia per due volte la compagna, arrestato un uomo di 44 anni

Il carcere di San Giorgio
Il carcere di San Giorgio

Era in città nonostante un obbligo di dimora a 270 chilometri da Lucca

27 maggio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





LUCCA.  Avrebbe dovuto trovarsi a oltre 270 chilometri di distanza, a Biella, visto che era sottoposto a un obbligo di dimora nella cittadina piemontese. Obbligo scattato a seguito di comportamenti violenti nei confronti delle forze dell’ordine lucchesi. Invece non solo era ritornato a Lucca, ma per ben due volte si è nuovamente reso protagonista di violenze, stavolta nei confronti della sua compagna. Per questo motivo la polizia di Lucca ha arrestato un 44enne, italiano, senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine, per reati contro la persona appunto, ma anche per reati contro il patrimonio.

Era il maggio del 2022 quando le volanti della questura erano intervenute in piazza San Michele dopo la segnalazione di una rissa. Sul posto, gli agenti avevano controllato alcuni individui tra cui il 44enne che versava in forte stato di agitazione. Alla richiesta di esibire i documenti, l’uomo oppose resistenza aggredendo i poliziotti e colpendo con calci e pugni l’autovettura di servizio.

A quel punto l’uomo era stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e, all’esito della convalida, gli era stata applicata la misura dell’obbligo di dimora nel Comune di Biella, domicilio da lui dichiarato.

Fin qui la “prima puntata” della vicenda. Nei giorni scorsi il seguito, ancora più triste. Gli agenti della squadra mobile sono stati chiamati a occuparsi di un procedimento penale per maltrattamenti subiti da una donna italiana di 45 anni, da parte del compagno. Questi l’avrebbe picchiata provocandole fratture delle ossa nasali, contusioni ed ematomi su varie parti del corpo e gli agenti hanno raccolto una serie di gravi indizi a carico dell’autore, indicato dalla vittima proprio nel 44enne già ben conosciuto dalla polizia.

Da ulteriori approfondimenti è emerso i maltrattamenti sarebbero avvenuti in due distinte occasioni, il 6 e il 9 maggio di quest’anno, in entrambi i casi per futili motivi. Maltrattamenti aggravati dallo stato di dipendenza da sostanze stupefacenti dell’uomo, da tempo in cura al Serd.

Nel prosieguo dell’attività è stato appurato che il 44enne in più circostanze, dal mese di marzo 2023, aveva violato la misura dell’obbligo di dimora nel comune di Biella, fino ad arrivare agli episodi di violenza domestica agli inizi di questo mese. Per questo è partito nei suoi confronti un ulteriore procedimento penale alla procura della Repubblica di Lucca.

Informata degli sviluppi investigativi, la Corte d’Appello di Firenze ha quindi aggravato la misura cautelare disponendo la custodia in carcere. Così gli uomini della squadra mobile di Lucca e del commissariato di Viareggio hanno individuato l’uomo all’interno di una roulotte nella zona di piazzale degli Alpini, a Viareggio appunto, e lo hanno arrestato portandolo al carcere di Lucca a disposizione dell’autorità giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole