Il Tirreno

Livorno

Centro di recupero

Livorno, cucciolo di riccio salvato: in primavera tanti soccorsi ai piccoli degli animali selvatici

Livorno, cucciolo di riccio salvato: in primavera tanti soccorsi ai piccoli degli animali selvatici

La Lipu Cruma spiega cosa fare se li troviamo in difficoltà

03 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO  Un rondone caduto dal nido, il cucciolo di riccio sul ciglio della strada, un passero predato da un gatto e così via. Sono situazioni tipiche della primavera, che non lasciano quasi mai indifferenti. Spesso non si sa come comportarsi di fronte a situazioni simili, che in questo momento dell’anno diventano più frequenti proprio per i cicli riproduttivi di tante specie. I nidi e le tane si popolano dei nuovi nati, ma ad alcuni capita di trovarsi in difficoltà. 

Alla Lipu Cruma (Centro recupero uccelli marini e acquatici) di Livorno l’arrivo della primavera si fa sentire anche dall’aumento di soccorsi e ricoveri di pulli e cuccioli. Per rispondere alle tante domande che ci arrivano da cittadini preoccupati, ricordiamo alcune semplici indicazioni. Tra le precauzioni da adottare c’è quella di evitare le potature dei propri alberi o siepi in giardino. Il periodo migliore infatti è nei mesi invernali di gennaio e febbraio: farlo ora può essere un rischio per molti uccelli che costruiscono i propri nidi fra i rami. È bene ricordare inoltre che la legge protegge i nidi impedendo di rimuoverli quando all’interno si trovano uova o pulli. 

L’osservazione è sempre la prima cosa da fare. Capire l’ambiente e la situazione consente infatti di ridurre i rischi derivanti da azioni non corrette. Per venire incontro alle tante domande che sorgono in questi casi, c’è la web app della Lipu animaliferiti.lipu.it, che consente, in pochi passaggi chiari e intuitivi, di capire cosa fare. Tramite alcune domande semplici la persona viene guidata a riconoscere l’animale e il motivo per cui si trova in difficoltà, capire se raccoglierlo o meno e come prestare un primo soccorso. La schermata finale indica invece le strutture o gli enti a cui rivolgersi a seconda della tipologia, cioè selvatici, domestici ed esotici. Nel caso di animali selvatici infine, si viene indirizzati ai centri di recupero più vicini ai quali consegnare l’esemplare. 


Il Cruma di Livorno ha inoltre un numero whatsapp, attivo 7 giorni su 7 (0586400226), per chiedere prime informazioni o richiedere soccorso. Questa modalità, attiva da pochi anni, ha consentito ad oggi di evitare centinaia di ricoveri impropri, cioè quelle situazioni in cui non sarebbe stato necessario o opportuno spostare l’animale dal luogo del ritrovamento.

Primo piano
Lo strazio

Morte di Mattia Giani, la fidanzata Sofia: «Eravamo proprio sul più bello, proteggimi per sempre»