Il Tirreno

Livorno

la cura della città 

Fortezza Nuova da recuperare in campo anche il volontariato

Fortezza Nuova da recuperare in campo anche il volontariato

Le associazioni Reset e Acchiapparifiuti collaboreranno alla manutenzione Obiettivo: valorizzare anche aspetti curiosi come la “settima galleria” (chiusa)

29 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Obiettivo: valorizzare la Fortezza Nuova. Per centrarlo l’attuale concessionario “Fortezza Village” ha raggiunto un accordo con due associazioni di volontariato: Reset e Acchiapparifiuti. Una collaborazione importante, presupposto per interventi costanti nel tempo, a garanzia di pulizia e manutenzione del bene pubblico.

«Parliamo di un luogo – dice Stefano Fiore (Fortezza Village) – che è baricentrico nel tessuto urbano. Circondato dalle acque, con locali che sono stati completamente ristrutturati. Per il periodo estivo abbiamo pensato a numerosi servizi per la comunità: ad esempio somministrazione di alimenti, percorsi turistici, divulgativi e informativi ma anche attività per i più piccoli, con due zone dedicate, e allestimento di strutture per spettacoli di musica e teatro, caffè letterari, presentazioni di libri, e molto altro».

Per questa ragione, oltre al Comune, sono state coinvolte queste due associazioni molto vitali sul territorio.

Giuseppe Pera, presidente di Reset, appare più determinato che mai. «Nell’aprile 2016 iniziò per noi la grande avventura delle Terme del Corallo, oggi ne comincia una nuova. Ci sono stati vari incontri preliminari con le realtà che operano qui, la società Fortezza Village e il comitato organizzatore del Palio Marinaro. Ci siamo confrontati per capire come poterci inserire nel contesto senza invadere il loro campo, ma prestando il necessario supporto». Una lista d’impegni precisa. «In primis, un’opera di manutenzione costante del verde pubblico, insieme a Sergio Giovannini e la sua Acchiapparifiuti, aperta, com’è nostro costume, alla partecipazione di tutti i cittadini. Poi progetti ai quali teniamo tantissimo: “Riscatto per il futuro”, con la partecipazione dei detenuti della casa circondariale “Le Sughere”, ed altri proposti con sinergie che già hanno portato alla rinascita delle Terme del Corallo. La finalità è quella di ripetere proprio quell’esperienza: uno spazio a rischio, si è trasformato in un parco pubblico bellissimo, frequentato da genitori e bambini».

Il secondo traguardo «prevede il recupero dei sotterranei: passaggi segrete, stanze, tra le quali la meravigliosa “settima galleria”, chiusa da tempo immemorabile. In questo caso, per fare le cose al meglio, abbiamo imbarcato il Gruppo Speleologico Archeologico del Museo di Storia Naturale».

La firma dell’accordo ha avuto luogo alla presenza del sindaco Luca Salvetti. «Mi fa piacere – afferma il primo cittadino – essere testimone di questa operazione, quale persona interessata che ha stimolato l’incontro tra le parti. Credo che, grazie a collaborazioni di questo genere, Livorno possa fare grandi cose. Finoora la Fortezza Nuova era gestita da un binomio: aggiungere al quadro le due nuove realtà ha il potere di chiudere il cerchio. Questo luogo è un mondo misterioso, tutto da riscoprire. Ci sono angoli e gallerie sconosciuti che potranno essere restituiti alla cittadinanza».

Fortezza Village darà inoltre la possibilità alle due associazioni di ospitare eventi culturali tematici, il cui ricavato sarà destinato al recupero di un ulteriore bene comune livornese. —

Simone Fulciniti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La stagione in arrivo

Toscana, l'estate del turismo parte col vento in poppa ma pesano i capricci del meteo

di Barbara Antoni