Il Tirreno

Grosseto

Il ricordo

Sport in lutto a Grosseto: addio a Iacoboni, leggenda del pattinaggio

di Maurizio Caldarelli
Sport in lutto a Grosseto: addio a Iacoboni, leggenda del pattinaggio

Aveva 66 anni: «Per molti è stata una seconda mamma, sarà sempre con noi»

25 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





GROSSETO. Lo sport grossetano piange la prematura scomparsa di Elisabetta Iacoboni, 66 anni (ne avrebbe compiuti 67 a luglio), una leggenda del pattinaggio artistico cittadino e toscano. Iacoboni è stata una seconda mamma di generazioni di pattinatrici che si sono rivolte a lei per affinare la tecnica e per conquistare medaglie a livello nazionale.

La notizia della morte di Elisabetta, avvenuta dopo una breve malattia, è stata accolta con immenso dolore dalle società cittadine per le quali ha prestato la sua preziosa opera, in primis l’Atl Il Sole di Francesco Gazzillo, che piange la sua scomparsa. «Insieme a Carlotta Incalza – commenta Gazzillo – era una delle colonne del nostro centro sportivo in via Leoncavallo. Elisabetta è stata con noi nelle ultime due stagioni, ma da sempre abbiamo potuto contare sui suoi consigli, sulle sue lezioni. E ha voluto dire tanto averla al nostro fianco. Grazie anche a lei Azzurra Meschinelli e Elisa Uguzzoni hanno vinto nella manifestazione dello scorso febbraio. Dall’inizio dell’anno non stava bene e l’abbiamo avuta con noi solo una volta nel mese di gennaio». «Ho un ricordo bellissimo di questa storica insegnante – prosegue il presidente –. Sapeva instaurare un rapporto straordinario con le atlete, era un punto di riferimento e una seconda mamma. Era speciale, grintosa e trasmetteva questo carattere forte alle allieve. Non si contano i successi che ha ottenuto nella sua lunga carriera. Ci mancherà».

Ieri in segno di rispetto per la perdita di Elisabetta sono stati annullati tutti gli allenamenti di ogni gruppo e l’impianto di via Leoncavallo è rimasto chiuso. Elisabetta Iacoboni due anni fa è tornata ad allenare a Grosseto dopo essere stata per dieci anni a Follonica, ma nel suo curriculum ci sono stagioni al Siena Hockey, nel Gs Pattinaggio Grosseto, nello Skating, sempre pronta a dare una mano a chi gliela chiedeva. Nella giornata di ieri la pagina Facebook della sua ultima società è stata inondata da messaggi di cordoglio da parte di decine di società, che l’hanno incrociata come avversaria o che hanno potuto apprezzare le sue qualità: dalla Polisportiva Barbanella Uno al Pattinaggio Bagno di Gavorrano, dal Calenzano alla Primavera Prato, dalla Comunale Cras Pattinaggio all’Hc Castiglione, dal Cus Albinia al Follonica Hockey. Il suo punto di forza erano gli esercizi obbligatori, ma era un’istruttrice completa.

«Grazie alle sue qualità – ricorda Gianni Lenzini, coordinatore del settore pattinaggio del comitato Uisp di Grosseto – è stato anche uno dei punti di forza della Uisp. È stata una preziosa collaboratrice a livello provinciale, ma veniva spesso chiamata per dare una mano alla nazionale per preparare le trasferte internazionali. Mi sento di descriverla come una grande donna, una grande mamma, una grande nonna e un’immensa insegnante». «Inoltre – prosegue – è stata l’allenatrice di mia moglie una trentina d’anni fa e lei, come tutte le atlete che si sono susseguite in questi quarant’anni di carriera, ha un ricordo indimenticabile. Si faceva ben volere da tutti».

«Ci ha lasciato una persona speciale per il pattinaggio in Toscana – scrive il comitato regionale Uisp pattinaggio – Elisabetta Iacoboni non era per noi solo un’allenatrice, ma un punto di riferimento per le nostre attività. Non possiamo pensare a “Sport e Turismo”, un’iniziativa che portava questo sport in giro per l’Europa, senza vedere la sua figura dal punto di vista tecnico e organizzativo a capo della delegazione».

Elisabetta Iacoboni lascia il marito Giuseppe “Beppino” Benedetti, i figli Simone e Valentina e un nipotino. Elisabetta è morta nella notte di giovedì nella sua abitazione di Grosseto e per volere della famiglia non ci sarà nessuna cerimonia. Il feretro sarà cremato oggi nel tempio di Sterpeto e le ceneri saranno successivamente disperse in mare, uno degli amori della sua vita.


 

Primo piano
L’incidente

Gavorrano, scontro fra tre macchine: tre persone ferite e portate in ospedale