Il Tirreno

Firenze

In Borgo la Croce

Crea scompiglio in strada, carabinieri costretti a usare il taser

Crea scompiglio in strada, carabinieri costretti a usare il taser

Dopo le operazioni di identificazione, l'uomo è stato denunciato per i reati di resistenza, lesioni e insolvenza fraudolenta

28 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Un 39enne ubriaco va in escandescenza portando scompiglio nel centro cittadino di Firenze e i carabinieri lo bloccano e denunciano. Nella serata di lunedì 27 febbraio, a seguito di una richiesta pervenuta al numero unico di emergenza 112, una pattuglia del nucleo radiomobile è stata inviata in Borgo la Croce presso un bar per un uomo molesto. Il richiedente aiuto aveva una mano sanguinante e un bernoccolo sulla fronte e ha riferito di aver riportato tali ferite durante una lite avuta con un cliente che lo ha colpito alla testa lanciandogli un tavolino. Acquisita la descrizione dell'uomo, i militari si sono messi sulle sue tracce e sempre in Borgo La Croce sono stati allertati anche da alcuni passanti i quali hanno riferito che all'interno di un palazzo si sentivano urla e colpi fortissimi. I carabinieri una volta saliti al terzo piano hanno visto il 39enne colpire ripetutamente con calci furibondi una porta in legno di un appartamento. I militari hanno cercato di calmare l'uomo che di tutta risposta ha tentato di aggredirli, costringendoli per la sua stessa incolumità, dato che era pericoloso per se e per gli altri, a bloccarlo utilizzando la pistola ad impulsi elettrici. Sul posto è intervenuto il personale del 118 che ha provveduto, relativamente al suo stato di agitazione psicofisica per assunzione di alcol, alle cure del caso. Dopo le operazioni di identificazione, l'uomo è stato denunciato per i reati di resistenza, lesioni e insolvenza fraudolenta.

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»