Il Tirreno

Versilia

Hockey

Rossoblù a Valdagno per dimenticare la Champions

di Giacomo Corsetti
Federico Ambrosio
Federico Ambrosio

Serve reagire subito, sono tutti a disposizione

11 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





FORTE DEI MARMI. Riscatto. In casa Forte dei Marmi esiste una sola parola dopo l’eliminazione dalla Champions League per mano del Barcellona. Una delusione condita anche dalla pesante sconfitta per 6 a 0 rimediata sul parquet del Palau Blaugrana. Per far tornare il sereno i rossoblù di Bertolucci sono chiamata a Valdagno, contro la sesta forza del campionato. Un match difficile dunque (fischio d’inizio alle 18) ma da cui è necessario conquistare tre punti, per il morale e anche per mantenere la vetta della classifica, continuando a tenere a distanza il Trissino.

Al PalaLido di Valdagno i fortemarmini saranno tutti a disposizione, e dovranno essere in particolare Federico Ambrosio e Francesco Compagno a dare la spinta giusta per ripartire. I due infatti continuano ad essere i grandi trascinatori di questa stagione, il primo con il suo scettro di leader della classifica cannonieri (40 reti), il secondo con le sue giocate e i suoi assist vincenti.

Nell’ultimo turno di campionato contro il Montebello grandi segnali erano arrivati da Pedro Gil, apparso in notevole crescita di condizione, così come Cinquini. Gli altri agli ordini di Bertolucci sono i soliti Rossi, Torner, Galbas e Ipinazar e il capitano Gnata.

Per il Valdagno invece c’è la volontà di proseguire quella scalata in classifica che l’ha portato a tre lunghezze dal Lodi quinto. C’è quindi per i veneti la possibilità di agganciare i lombardi, che comunque dovranno recuperare una partita. Il momento per i ragazzi di Chiarello è buono, nonostante la pesante sconfitta nei quarti di Coppa Italia contro il Follonica per 5 a 1. Arrivano da due vittorie consecutive in campionato, contro il Giovinazzo (2 a 1 esterno) e il Bassano (netto 5 a 2 in casa). Nell’ultimo mese poi ci sono state anche le sfide contro due big come Grosseto e Trissino, la prima persa con un lottato 3 a 2, la seconda invece pareggiata con un bel 4 a 4. Adesso c’è l’obiettivo di riscattare la sconfitta subita nel girone di andata per 4 a 1 al PalaForte. Per riuscirci i veneti si dovranno affidare soprattutto a Giuliani Marchetti, capocannoniere indiscusso della squadra con ben 20 reti all’attivo. È lui il pericolo numero uno per i rossoblù di Bertolucci. Ma la massima attenzione dovrà essere posta anche su Borregan e le sue dodici reti, così come Vega (9 marcature in campionato). Diquigiovanni è subito sotto a quota 8, mentre Motaran per ora è andato a segno in 5 occasioni.
 

Primo piano
La Toscana che si sbriciola

Frana a Vaiano, una strada chiusa mette in crisi il distretto tessile: «50 milioni di danni al giorno»

di Luigi Spinosi
Le nostre iniziative