Il Tirreno

Versilia

La vicenda

Viareggio, armati sul bus per girare il video trap: l'azienda non sa nulla e ora sono guai

di Donatella Francesconi
Viareggio, armati sul bus per girare il video trap: l'azienda non sa nulla e ora sono guai

Nella nuova produzione del viareggino “Bad Aiser” le lame sono ovunque Filo conduttore della produzione la frase “montagne di soldi, quelle sì che sono sexy”

08 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. Giovani rapper in salsa viareggina muniti di machete e coltelli per girare il video che deve “spaccare” a bordo di un autobus di linea. È l’ultima produzione firmata “Bad Aiser”, rapper non alle prime armi e che già vanta collaborazione con altri rapper locali. Il sogno è quello di sfondare il muro che porta alla ribalta nazionale. Ma, intanto, protagonisti e autori del video potrebbero trovarsi a vedersela con Autolinee Toscane.

L’azienda dei trasporti, a verifiche effettuate, conferma al Tirreno che il gruppo di giovani autori del video non ha affittato il mezzo di trasporto per l’occasione. E che Autolinee «valuterà con i propri uffici legali le eventuali azione da intraprendere».

Un video rap

Le immagini mostrano il gruppo di ragazzi salire sull’autobus in piazza D’Azeglio, mescolati – così sembra – ad altri ragazzi. Una volta all’interno del mezzo, però, il video mostra il rapper e il suo gruppo pienamente padroni dell’autobus, al punto da “sventolare” a più riprese le grosse lame che sono l’elemento identificante del video, così come lo erano nel precedente. E che compaiono esibite nella notte anche dai finestrini delle auto, in un’altra immagine del video.

Le domande ancora inevase

Le domande sono inevitabili: dov’era l’autista del bus quando il video è stato girato?; Chi ha autorizzato i ragazzi a girare il video mostrando machete e coltelli a bordo di un mezzo pubblico non noleggiato per l’occasione?

Il senso della nuova produzione è tutto nel messaggio inviato a un rivale che «non può fare il boss» e la cui donna – viene raccontato – si troverebbe meglio con il gruppo del rapper viareggino che con quello del rivale cui è rivolta la canzone.

La cui frase chiave – in perfetto stile rap per quanto riguarda i contenuti – non lascia spazio a equivoci: «Montagne di soldi, quelle sì che sono sexy». A fare da sfondo a parole e musica, gli spazi comuni di alcune case popolari di Viareggio.


 

Primo piano
Il dramma sfiorato

Viareggio, bimbo di due anni rischia di annegare in piscina: salvato dall’intervento della bagnina

di Roy Lepore