Il Tirreno

Versilia

Il retroscena

Jannik Sinner tesserato per il circolo tennis di Forte dei Marmi, il presidente: «Così siamo riusciti a portarlo con noi»

di Roy Lepore

	Sergio Marrai e Jannik Sinner
Sergio Marrai e Jannik Sinner

Nel 2017 Sergio Marrai aveva riscattato il suo cartellino su indicazione di Riccardo Piatti, che era il suo allenatore: «È rimasto il ragazzo umile e semplice che abbiamo conosciuto e questo suo spessore umano fa la differenza»

30 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





FORTE DEI MARMI. Soddisfazione al Ct Italia di Forte dei Marmi per il successo dell’altoatesino Jannik Sinner agli Open di Australia. Sinner, infatti, è ancora oggi tesserato per il Ct Italia Forte dei Marmi. Nel 2017 il presidente del circolo Sergio Marrai aveva riscattato il suo cartellino su indicazione di Riccardo Piatti, che era il suo allenatore. Marrai aveva pronosticato un futuro roseo per questo suo campione, «ma certo non avrei mai immaginato che arrivasse così in fretta a questi livelli», dice lo stesso presidente del circolo, che spera di averlo ospite a Forte.
Sinner però, se pur tesserato ancora giovanissimo dal Ct Forte dei Marmi non ha mai giocato per il circolo, perché già era troppo bravo e il suo livello era superiore alla media e non è stato possibile neanche farlo debuttare nella squadra che prendeva parte al campionato di serie A di tennis. «Ci sentiamo ogni Natale per scambiarci gli auguri – dice Marrai – è rimasto il ragazzo umile e semplice che abbiamo conosciuto e questo suo spessore umano fa la differenza. È un grande campione. D’altra parte lo ha dimostrato anche nelle dichiarazioni che ha rilasciato al termine dell’impresa che ha compiuto, quando ha dedicato il successo ai suoi genitori che ha detto gli hanno regalato la libertà. Infatti gli hanno permesso quello che gli piaceva fare, ossia giocare al tennis. Era bravo anche nello sci e a calcio. Certo per un altoatesino era più logico sciare che giocare a tennis, ma si è appassionato a questo sport e quando era piccolo non poteva partecipare alle gare, ecco perché non è mai venuto da noi neppure a giocare sui nostri campi, poi appena è cresciuto di poco è diventato troppo bravo ed ha iniziato a far parte di circuiti già importanti, ma d’altra parte si vedeva che aveva i numeri per sondare e siamo davvero felici per lui. Gli ho mandato un messaggio per complimentarmi per il risultato che ha conseguito e mi ha risposto. È circondato da un ottimo staff di persone competenti che lo aiutano a crescere ancora di più. Nella sua testa c’è di diventare il numero uno al mondo, è già sulla buona strada. È un ragazzo serio, intelligente e spiritoso ed i risultati conseguiti fino ad oggi dimostrano che ha tutti i numeri per poter migliorare sempre più. Vorrei far presente che abbiamo tesserata anche Jasmine Paolini che ha scalato anche lei le classifiche mondiali in questi ultimi tempi arrivando al 24° posto». Ricordiamo che dello staff di Sinner fa parte anche il medico viareggino, Riccardo Ceccarelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Sull’asfalto

Tragedia al centro Porsche, chi era Mattia Ottaviano, il collaudatore morto: il ricordo dell’amico e quel post sui social

di Tommaso Silvi
Le nostre iniziative