Il Tirreno

Versilia

Le nozze della Gregoraci tengono banco: Briatore col figlio Nathan in chiesa

Luca Basile
Le nozze della Gregoraci tengono banco: Briatore col figlio Nathan in chiesa

05 settembre 2011
2 MINUTI DI LETTURA





PIETRASANTA. In questi casi viene in soccorso il detto, a dire il vero inflazionato e banale, "matrimonio bagnato, matrimonio fortunato", ma certo è che Marzia Gregoraci e Giuseppe Scaramuzzino di quella dose industriale di pioggia autunnale, ieri pomeriggio, ne avrebbero fatto volentieri a meno. I fiori d'arancio della sorella minore di Elisabetta Gregoraci, e cognata di Flavio Briatore, sono andati infatti in scena, alla parrocchia dei Frati, sotto un autentico diluvio. Marzia, in tradizionale abito da sposa bianco, radiosa con velo in dote, e' arrivata al giorno del si che fa la differenza, a bordo di una Rolls Royce, con i canonici 20 minuti di ritardo. Ad attenderla, all'altare, il futuro consorte che indossava un elegante frac a tinte scure. Occhialini blu d'ordinanza e abito, sempre blu, invece, per l'ex direttore della Renault corse, Flavio Briatore che teneva il braccio il figlio, Nathan Falco. A fare da corte agli sposi, più fotografi che curiosi - la pioggia è stato infatti un formidabile deterrente - accorsi soprattutto per vedere più da vicino, Elisabetta Gregoraci, testimone della sorella, avvolta in un superbo vestito lungo color rosa. All'uscita dalla chiesa, lancio di petali e riso, flash dei paparazzi, signore in precario equilibrio su tacchi altissimi e ressa d'ordinanza prima dell'applauso finale. Poi la fuga, a clacson lievemente spiegati, verso 'casa', intesa come il Twiga per una blindarissima festa - con tanto di esclusiva ceduta ad un settimanale.- riservata a 180 ospiti venuti, in discreto numero, dalla calabrese Soverato, terra natia dei Gregoraci. Festa, consumata ovviamente all'interno del locale, che non ha visto fra i suoi protagonisti i volti noti del piccolo schermo e dei rotocalchi. Matrimonio in famiglia doveva essere e matrimonio in famiglia, alla fine, è stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il caso

Livorno, evade dal carcere delle Sughere: chi è e come è riuscito a scappare

di Stefano Taglione