Il Tirreno

Perugia: rientra in casa ubriaco e picchia moglie, figlio di 9 anni chiama 112

14 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Perugia, 14 mag. (Adnkronos) - E' rientrato in casa ubriaco e ha picchiato la moglie, ma il figlio di nove anni ha chiamato i carabinieri. E' quanto accaduto a Foligno (Perugia). Secondo la ricostruzione dei carabinieri l'uomo, di origine albanese, ubriaco e spinto da un'ossessiva gelosia della partner, la maltrattava anche davanti al figlio. L’uomo avrebbe, in più occasioni, anche impedito alla moglie di uscire da sola di casa, vietandole di frequentare le sorelle e le amiche. Insulti e aggressioni e la scorsa estate, in una circostanza, l’ha afferrata addirittura per il collo, in un'altra, per impedirle di uscire da casa vestita in modo che a lui piaceva, l’ha picchiata a pugni e calci. Ultimanente, ossessionato dalla gelosia e contrariato dalla scelta della donna di voler trovare lavoro e di essere andata a sostenere un colloquio, dopo averla tempestata di telefonate, al rientro a casa l'ha picchiata, presa per il collo e i capelli trascinandola per casa davanti al bambino che ha chiamato il 112 chiedendo aiuto ai carabinieri del comando di Foligno. L’immediato intervento della pattuglia ha messo fine ai maltrattamenti. La donna ha trovato il coraggio di denunciare il marito per le continue violenze e vessazioni subite, ha riportato lesioni giudicate guaribili in 21 giorni. Il gip del Tribunale di Spoleto, su richiesta della Procura della Repubblica, ha disposto nei confronti dell'uomo la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, con divieto di comunicare con moglie e figlio con qualsiasi mezzo e di avvicinarsi ai luoghi frequentati dai due. I suoi spostamenti saranno monitorati con l’applicazione del braccialetto elettronico.
Le ultime
La tragedia

Valtellina, chi sono i tre militari del soccorso alpino della Guardia di finanza morti in Val Masino