Il Tirreno

Monza: 9 arresti per corruzione, sequestrati beni per circa 1 mln

29 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 29 apr.(Adnkronos) - Nell'ambito di un'attività diretta e coordinata dalla procura di Monza, i militari della guardia di finanza stanno dando esecuzione ad ordinanze di custodia cautelare nei confronti di nove persone operanti nel settore urbanistica-edilizia nel Comune di Usmate Velate, accusate a vario titolo di concorso in corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, emissione di fatture per operazioni inesistenti e frode fiscale. Si tratta, in particolare, dell'applicazione di 3 custodie cautelari in carcere, una delle quali nei confronti di un pubblico ufficiale e 6 arresti domiciliari. Le indagini, svolte dalla procura di Monza avvalendosi del nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Monza, hanno consentito di ricostruire un articolato sistema corruttivo prolungato negli anni, in assenza di alcuna segnalazione di anomalia da parte dell'amministrazione comunale, concepito attraverso e a beneficio di un funzionario pubblico, responsabile della tecnostruttura 'Territorio e Ambiente' del Comune di Usmate Velate il quale, compiendo atti contrari ai propri doveri d'ufficio, avrebbe inserito, nella variante del nuovo Piano di governo del territorio deliberata dal Consiglio Comunale, alcune aree preventivamente rese oggetto di variazione di destinazione urbanistica da "area interessata da attività agricola" in "area di trasformazione produttiva e/o edificatoria", con un evidente accrescimento del valore economico delle stesse. In tale contesto, è emerso dalle indagini preliminari, sulla base di attività tecnica e acquisizione di documenti, che le menzionate aree sono risultate essere di proprietà di società, alcune delle quali facenti capo a noti imprenditori locali destinatari anch'essi del provvedimento cautelare emesso dall'autorità giudiziaria i quali, accordandosi con il funzionario pubblico, al fine di conseguire i vantaggi derivanti dalla valorizzazione urbanistica dei propri terreni ovvero scaturenti dalle successive agevolazioni nell'ottenimento delle autorizzazioni ad edificare, hanno promesso e corrisposto al pubblico ufficiale dazioni illecite di denaro, veicolate attraverso il pagamento di false fatture emesse da una società di fatto riconducibile allo stesso funzionario. Contestualmente all'esecuzione della misura custodiale personale sono stati eseguiti sequestri preventivi, finalizzati alla confisca, del denaro corrispondente al prezzo del reato fino alla concorrenza totale 243.400 euro, nonché, nei confronti di 7 società a loro riconducibili, il sequestro preventivo dell'intero capitale sociale comprensivo dell'intero patrimonio aziendale includente le possidenze mobiliari e immobiliari per un valore di circa 700.000 euro.
Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana