Il Tirreno

Padova: armi nel videoclip, perquisito trapper Baby Touché, sequestrato machete

27 marzo 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Milano, 27 mar. (Adnkronos) - Decreto di perquisizione, da parte della polizia di Padova, nei confronti del noto trapper Baby Touché, nome d'arte di Mohamed Amine Amagour, indagato per detenzione abusiva di armi ed esplosivi, dopo la diffusione di un videoclip musicale e già destinatario del foglio di via obbligatorio da Padova. Nel video, postato sul profilo Instagram, il giovane trapper, con addosso una maglia con su scritto Pdgang-Questa è Padova, maneggiava e mostrava presunte armi da sparo. Pochi giorni dopo la prima pubblicazione, il video veniva sostituito da una nuova versione che si concludeva con il lancio di una bottiglia incendiaria. Essendo già condannato per reati in materia di armi, la procura veneta ha disposto la perquisizione dell'abitazione del giovane trapper, alla ricerca delle armi mostrate nel video e di altre armi, munizioni o materie esplodenti. Al trapper è stato così sequestrato - da parte degli agenti della squadra Mobile - un machete con lama affilata della lunghezza totale di 54 centimetri che si vede nel video, le armi esibite nel videoclip, invece, è stato accertato sono del tipo 'softair'. A fine gennaio il trapper padovano è già stato destinatario di un foglio di via obbligatorio emesso dal questore di Padova col divieto di farvi ritorno per tre anni.
Primo piano
Governo

Bonus da 80 euro nella tredicesima: ecco a chi spetta. Cosa è previsto nella bozza del decreto