Il Tirreno

Lombardia: Caruso, 'al via avviso unico cultura, 5,6 mln per valorizzare territori'

27 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 27 mar. (Adnkronos) - 'Allineare' tutti gli uffici territoriali di Regione Lombardia (Utr) in vista dell'apertura del bando 'Avviso unico della cultura', in programma il prossimo 3 aprile. Questo l'obiettivo della riunione organizzata questa mattina presso l'Utr di Varese dall'assessore alla Cultura, Francesca Caruso, in videocollegamento con tutti i presìdi istituzionali di Regione Lombardia nei capoluoghi. "L'incontro odierno - ha affermato Caruso - è stato molto importante per spiegare bene modalità e termini per la presentazione delle domande e per l'erogazione dei contributi, finalizzati a valorizzare iniziative che stimolino lo sviluppo di nuove idee, sperimentazioni e forme di divulgazione". Il bando ha una dotazione finanziaria di 5,6 milioni di euro che serviranno a sostenere progetti e iniziative di promozione educativa e culturale, oltre a promuovere gli istituti e luoghi della cultura (Biblioteche e archivi storici, Musei, riconoscimenti Unesco e aree e parchi archeologici non statali, patrimonio immateriale, itinerari culturali, cammini e patrimonio culturale) nonché gli spettacoli dal vivo e il cinema. "L'occasione - ha aggiunto - è stata molto utile anche per fornire risposte a eventuali dubbi di chi, sul territorio, lavora in prima persona anche per fornire informazioni ai beneficiari". "L'avviso unico della cultura 2024 - ha proseguito - attraverso una dotazione finanziaria di 5,6 milioni di euro, coinvolgerà ampie fasce della popolazione. Anche per questo abbiamo deciso di fornire un'unica grande misura ai vari operatori del settore. Stiamo mettendo in campo tutto l'impegno possibile per avere numerose e qualificate adesioni da ogni parte della Lombardia". Ai contributi regionali possono accedere Comuni, Comunità montane, Unioni di Comuni, Province, Città Metropolitana e Consorzi tra amministrazioni locali lombarde, enti, associazioni, fondazioni e altri soggetti di diritto privato che operino in ambito culturale senza fine di lucro. Le risorse disponibili ammontano a 5.661.000 euro, suddivisi in diversi ambiti: 1.080.000 euro per la concessione dei contributi di promozione educativa e culturale; 2.320.000 euro per la concessione di contributi a favore di istituti e luoghi della cultura (biblioteche e archivi storici, musei, patrimonio immateriale, riconoscimenti Unesco, aree e parchi archeologici non statali, itinerari culturali, cammini e patrimonio culturale diffuso); 800.000 euro per la concessione di contributi per la promozione dello spettacolo dal vivo e del cinema; 1.461.000 euro per la concessione di contributi ai soggetti partecipati da Regione Lombardia.
Primo piano
Turismo

Il ponte del 25 aprile? Sulle piste a sciare: «Nevicata eccezionale». Ecco gli impianti aperti in Toscana