Il Tirreno

**Fmi: Weo, alza stime crescita globale, in 2024 a +3,1%**

30 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 30 gen. - (Adnkronos) - Il Fondo Monetario Internazionale vede - cautamente - rosa e nell'aggiornamento del World Economic Outlook rivede al rialzo le stime della crescita globale che per il 2024 ora è prevista al 3,1% - in aumento di 0,2 punti rispetto alle valutazioni di ottobre scorso - mentre per il prossimo anno la stima è di +3,2%. Una revisione che l'Fmi motiva con l'andamento migliore del previsto dell'economia negli Stati Uniti e in diversi grandi mercati emergenti e economie in via di sviluppo, ma anche con le misure di sostegno fiscale previste in Cina. Il fondo riconosce come le previsioni per il 2024-25 sono, tuttavia, inferiori alla media storica (2000-2019) del 3,8%, con tassi di riferimento elevati da parte delle banche centrali per combattere l’inflazione, mentre il ritiro delle misure di sostegno di bilancio in un contesto di debito elevato grava sull’attività economica assieme a una bassa crescita della produttività di fondo. La crescita del commercio mondiale è prevista al 3,3% nel 2024 e al 3,6% nel 2025, al di sotto del tasso di crescita medio storico del 4,9%. Il fondo pone anche l'accento sul peso di dazi e misure restrittive: secondo i dati del Global Trade Alert, sono state imposte circa 3.200 nuove restrizioni al commercio nel 2022 e circa 3.000 nel 2023, rispetto alle circa 1.100 del 2019. Il Fondo vede i rischi per la crescita globale "sostanzialmente bilanciati" con la prospettiva di una disinflazione più rapida che potrebbe portare a un ulteriore allentamento delle condizioni finanziarie. Al contrario nuove impennate dei prezzi delle materie prime dovute a shock geopolitici – compresi i continui attacchi nel Mar Rosso – e problemi nell’offerta o un’inflazione sottostante più persistente potrebbero prolungare le condizioni monetarie restrittive. Anche l’aggravarsi delle difficoltà del settore immobiliare in Cina o, altrove, una svolta dirompente verso aumenti delle tasse e tagli alla spesa potrebbe causare choc sulla crescita.
Primo piano
Politica e diritti

Pisa, Non Una di Meno copre i manifesti antiabortisti

di Libero Red Dolce
Le nostre iniziative