Il Tirreno

Itali-Africa: Bonelli, 'visione predatoria e neocoloniale'

29 gennaio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Roma, 29 gen. (Adnkronos) - “Alla conferenza sul clima, la Premier Meloni ha esordito dicendo: ‘Vogliamo comunicare ai Paesi africani qual è la nostra visione dell’Africa’. Ma non dovrebbero essere gli africani a decidere il proprio futuro? Questo conferma la visione predatoria di questo progetto che solo prendere energia, occupare i terreni agricoli dell’Africa da dedicare alle coltivazioni per i biocarburanti. Quello che bisogna fare, invece, è cancellare il debito africano che uccide l’Africa”. Così ad Agorà su Rai3, il co-portavoce nazionale di Europa Verde e deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli. "Ci sono progetti imponenti per trasformare oltre un milione di ettari in Ruanda e Congo in coltivazioni di biocarburanti, nonostante queste aree siano tra le più colpite da malnutrizione e mortalità dovuta alla fame. Questo significa sottrarre terreni essenziali alla coltivazione alimentare: è un problema. Inoltre, una problematica ignorata da tempo, e non solo dall'Italia, è il debito estero africano, che ammonta a 1.100 miliardi di dollari. Ci sono già tre Paesi in default. Si deve affrontare il tema del debito perché oggi gli interessi sul debito africano sono maggiori degli investimenti in spesa sanitaria, il che significa l'impossibilità per questi Paesi di accedere a risorse fondamentali come acqua, cibo, istruzione, sanità e lavoro,” ha concluso Bonelli.
Primo piano
La tragedia

Livorno, schiacciata con lo scooter fra due auto: morta una donna di 51 anni

Le nostre iniziative