Il Tirreno

Toscana

I nostri pelosetti amici animali
La collina dei gatti

Dal 1910 l’Enpa di Pistoia offre un rifugio a cani e felini randagi. Uno spazio speciale è dedicato a ospitare una ventina di mici

di Paola Silvi
Dal 1910 l’Enpa di Pistoia offre un rifugio a cani e felini randagi. Uno spazio speciale è dedicato a ospitare una ventina di mici<br type="_moz" />

Sono circa 40 i volontari e gli operatori che si occupano degli amici a quattro zampe più sfortunati perché abbandonati o maltrattati: l’associazione cerca di trovare un’adozione per gli ospiti in modo da regalare loro una vita in famiglia

12 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





È una storia d’amore, dedizione e cura che inizia da lontano. Era il 1910 quando fu fondata la società pistoiese per la protezione degli animali intitolata Humanitas. Questa realtà è rimasta in piedi anche durante la seconda guerra mondiale e da allora l’Enpa, l’Ente nazionale per la protezione degli animali, a Pistoia si è sempre occupata del ricovero dei cani randagi, tanto che negli anni Cinquanta fu realizzato un rifugio.

Nei decenni poi è stato ampliato e ha dato ospitalità e risposte in termini di adozioni e accoglienza a centinaia di animali, compresi conigli e criceti. A fianco della struttura nel 2005 è nato il canile sanitario a cui fanno riferimento i Comuni di Pistoia, Abetone, Cutigliano, Agliana, Marliana, Montale, Quarrata, Sambuca Pistoiese, San Marcello Pistoiese Piteglio e Serravalle Pistoiese, e di cui Enpa è gestore, che ha di fatto potenziato i servizi già presenti. E dall’unione di entrambi i settori la palazzina di via Agati è diventata punto di riferimento dell’intera città.

Senza dimenticare che nel 2017 è stata inaugurata “La Collina dei gatti”, uno spazio speciale dedicato proprio ai mici che continuavano a transitare al rifugio e che non potevano essere rimessi in libertà e che dà una casa in media a una ventina di gatti in contemporanea, dove i volontari, con la responsabile del settore felino Natalia Sciarrillo in testa, fanno i turni per accudirli e coccolarli. «La nostra missione primaria – spiega la presidente Rossella Ghelardini – è quella di aiutare gli animali in difficoltà e di metterli al riparo nelle nostre strutture. Disponiamo di un canile rifugio e canile sanitario riscaldati d’inverno e refrigerati d’estate, di un gattile interno ed esterno, di aree di corsa per i cani attrezzate con giochi di agility e piscine, di box e ricoveri per la degenza di cuccioli, animali convalescenti o anziani. La presenza giornaliera di un medico veterinario, un educatore cinofilo, di volontari e operatori specializzati rendono il nostro obiettivo possibile e di qualità».

Perché la passione e l’impegno di oltre 40 volontari che dedicano il loro tempo agli animali abbandonati, maltrattati e meno fortunati permette di ottenere risultati che raccontano più di 330 ingressi di cani e 910 di gatti all’anno solo nel 2023, di cui la metà trovano poi una famiglia che li accolga. «Cerchiamo per tutti i nostri ospiti un’adozione consapevole. È possibile – continua la presidente – fare sia l’adozione a distanza dei mici del gattile sia la passeggiata a sei zampe, portando a spasso un cane del rifugio».

Quotidianamente tantissimi cittadini contattano le strutture per ritirare il proprio animale smarrito, segnalare casi di animali mal custoditi, sterilizzare i gatti, educare un cane da poco adottato o magari perché non in grado di mantenere il proprio quattro zampe. E al rifugio-canile c’è sempre un’attenzione per tutti. «Lavoriamo affinché la straordinaria forza che i cani hanno e le risorse che riescono a impegnare per non perdere mai la speranza e continuare a credere nel genere umano, non vengano sprecate o tradite ancora», conclude.

Chi fosse interessato a un’adozione o a dare una mano può contattare il numero di telefono 0573.400413 oppure inviare una mail all’indirizzo pistoia@enpa.org


 

Le ultime
La tragedia

Le regalano lo scooter per i 18 anni: ragazza si schianta e muore

Cinema in Toscana