Il Tirreno

Toscana

Il festival

Sanremo, vince Angelina Mango: a lei il voto più alto del nostro "pagellone-live”

di Giorgio Billeri e Mario Moscadelli

	Angelina Mango
Angelina Mango

Il 60% del televoto è andato a Geolier. Quinto posto per il toscano Irama. Tutti i nostri voti

10 febbraio 2024
9 MINUTI DI LETTURA





SANREMO. È Angelina Mango con “La noia la vincitrice del Festival di Sanremo (le curiosità in cifre). Quinto posto per il lunigianese Irama, 28° posto per gli empolesi Bnkr 44. Il 60% del televoto per decretare il vincitore Festival ha espresso la sua preferenza per Geolier, mentre solo il 16% del televoto è andata ad Angelina Mango. Poi Ghali con l'8,3%, Annalisa con l'8% e Irama con il 7,5%. Una donna non vinceva Sanremo dal 2016, quando a trionfare fu Arisa con il brano "Controvento".

Chi è la vincitrice

Angelina Mango, classe 2001 è una figlia d’arte: il padre è il compianto cantautore originario della Basilicata, Pino Mango, morto l’8 dicembre 2014 in seguito a un malore durante un concerto di beneficenza. Angelina è salita alla ribalta nazionale nel 2023 dopo la partecipazione ad Amici di Maria de Filippi dove si è classificata al secondo posto ma trionfando nella categoria canto. Dal reality in poi sono stati due i singoli che l’hanno resa una delle cantanti emergenti più seguite in Italia. “Che t’o dico a fa’” e “Ci pensiamo domani” hanno impazzato nelle orecchie degli italiani fino a diventare dischi di platino.

I top 5

Secondo classificato Geolier, terza Annalisa, quarto Ghali e quinto Irama.

Dal sesto al 30° posto

Questa la classifica finale dal sesto al 30° posto: Mahmood, Loredana Bertè, Il Volo, Alessandra Amoroso, Alfa, Gazzelle, Il Tre, Diodato, Emma, Fiorella Mannoia, The Kolors, Mr. Rain, Santi Francesi, Negramaro, Onda Alta, Ricchi e Poveri, BigMama, Rose Villain, Clara, Renga Nek, Maninni, La Sad, Bnkr44, Sangiovanni, Fred De Palma.

Il caso-televoto

"Il Codacons, da sempre contrario al sistema del televoto, sta monitorando la situazione e raccogliendo le segnalazioni dei telespettatori che hanno speso soldi per votare il proprio artista preferito del festival di Sanremo 2024". Lo dice all'Adnkronos il Codacons, in seguito alle anomalie sul sistema di televoto segnalate anche da centinaia di utenti sui social e confermate da alcuni artisti in gara attraverso video sui social.  

Il Codacons invita inoltre "la Rai a riflettere sull'opportunità di abbandonare definitivamente il sistema del televoto, troppe volte al centro di scandali e problemi, un metodo di raccolta dei voti del tutto antidemocratico che avvantaggia alcuni artisti a danno di altri".


IL RACCONTO E LE NOSTRE PAGELLE

Ore 2,30 – VINCE ANGELIA MANGO

Quinto posto per il toscano Irama.

Ore 2 – I cinque finalisti

Sono Geolier, Angelina Mango, Annalisa, Irama e Ghali i cinque big che raggiungono la finalissima della 74esima edizione del Festival di Sanremo.

Ore 1,43 – Stop al televoto

Tutti e 30 i cantati si sono esibiti. Stop al televoto: ora si attende il verdetto finale.

ROSE VILLIAN: voto 6

Cattura mille sguardi, soprattutto maschili. Ha talento ma il pezzo rulla senza decollare. I capelli verdi in tv non vengono bene. 

BUNKER 44: voto 6

A 20 anni che male c’è a divertirsi, rischiando anche di andare oltre le righe? Non saranno esattamente punk, ma viva l’esuberanza. 
CLARA: voto 5,5

Bella e carinissima nei modi. Spicca nel duetto con Spagna, meno nel suo brano dal testo fragile.

SANGIOVANNI: voto 6
Il testo ha degli spunti di livello, l’arrangiamento meno. Resta in mezzo al guado, con quegli abiti troppo larghi che cozzano con l’aspetto piacione. 

FRED DE PALMA: voto 4,5

D’accordo ballare senza pensieri, ma forse qui si esagera. 

MISTER RAIN: voto 5

Dopo la miniera di diamanti di “Supereroi” era difficile ripetersi, ma stavolta non è stato soccorso dal pezzo. Bello, invece, il duetto con i Gemelli Diversi e le farfalle della ritmica con “Mary”. 

LA SAD: voto 5.

Simpaticissimi e dotati di notevole faccia tosta, viste le trasformazioni di abiti, trucchi e creste. Ma se il messaggio era quello di riportare in vita il punk, il battito non si è sentito.

MANINNI: voto 5,5.

Absolute beginners: è sempre dura debuttare davanti a venti milioni di occhi. Controlla la paura, compitino. 

THE KOLORS: voto 6,5

“Italodisco”, che i nostri figli eseguono a squarciagola, è stato un bel passepartout. I tormentoni continuano, con una certa efficacia.

RICCHI E POVERI: voto 4,5
Le loro canzoni trionfano ancora sotto le nostre docce. Non aggiungeremo questa. 

IL TRE: voto 5
Aggiungiamo due voti, e facciamo cinque. Servono delle prove di appello.

EMMA: voto 6
Lei è brava. Indiscutibilmente matura. Il pezzo, Apnea, magari sarà metabolizzato col tempo.

GEOLIER: voto 7

Quelli delle poltronissime a 500 euro fischiano a pieni polmoni la sua vittoria nelle cover. Ma la generazione Z, quella che guarda di soppiatto in streaming, apprezza. Poco da fare, l’unico rap italiano che sposta gli equilibri ha l’accento napoletano.

Ore 00.05 – La Rai rassicura sul televoto

"Il Televoto sta funzionando regolarmente, abbiamo parlato con i referenti Telecom presenti qui a Sanremo con i notai. C'è una valanga di voti, i voti vengono acquisiti ma i messaggi arrivano in ritardo. Non andrà perso nessun voto". E' quanto fa sapere il direttore dell'ufficio stampa della Rai Fabrizio Casinelli alla sala 'Roof' dell'Ariston in merito alla congestione del televoto del Festival di Sanremo rilevata da numerose segnalazioni.

ANGELINA MANGO: voto 9.

Nel nome del padre, il mai troppo celebrato Pino. Ha gli stessi vezzi vocali, i cambi di registro, la profondità. Se il moloch discografico non la rovinerà, un bel diamante da sgrezzare. Nella serata delle cover ha fatto vacillare l’Italia, che senza farsene troppo accorgere ha fatto ricorso al fazzoletto.

ANNALISA: voto 6,5

Brava ad abbandonare l’easy listening (che le avrebbe spianato la strada) per un brano più intimo. Cocktail non completamente sfizioso, ma alla radio funzionerà. Mezzo voto in più per aver scritto l’inno della squadra di calcio del suo paese. 

GHALI: voto 6,5

La canzone racconta di extraterrestri, il suo aspetto richiama incontri ravvicinati del terzo tipo. Sa cantare: lo dimostra nell’omaggio a Cutugno del venerdì sera.

IRAMA: voto 8,5

Il ragazzo sa come cavalcare il palco dell’Ariston, un cavallo inquieto che mai vorremmo montare in un Rodeo. Irama, il brano interpreta al meglio i desiderata del “nuovo” Sanremo: da collettivo a intimo, da orchestra a sentimento. Il ragazzo ha voce e capacità di espressione sul palco. E, cosa importante, si è anche liberato di certi, e inutili, orpelli scenografici. 

ALFA: voto 6,5.

Giovanotto essenziale, bella voce, tranquillo sul palco dei palchi. Vecchioni gli regala le ali nel duetto: vola, ragazzo.

ALESSANDRA AMOROSO: voto 7
Timbro unico, tutto di gola, raro. Eccellente nel duetto con Boomdabash, coraggiosa nel mettere spalle al muro i suoi haters e nello sfoggiare abiti mozzafiato. 

FIORELLA MANNOIA: vota 7,5

Secondo buona parte dei soloni festivalieri, la sua “Mariposa” non spiccava per originalità. Chissenefrega si può dire? Basta la sua voce per scuotere l’Ariston, la sua sensibilità scava la differenza. E scendere quelle scale senza scarpe è privilegio di pochi. 

ORE 22,50 – Problemi al televoto

Problemi tecnici per il sistema di televoto Molti utenti hanno denunciato infatti la mancata ricezione dell'sms che conferma l'avvenuta corretta votazione per il proprio cantante in gara preferito. Tutti e tre concorrenti sul podio della classifica provvisoria, Geolier, Angelina Mango e Annalisa, hanno quindi invitato, tramite i loro canali social, i propri fan a non demordere e continuare a votare fino alla ricezione dell'sms. Immediate le rassicurazioni di Amadeus: "Sta arrivando una quantità di televoto mai vista, è record di televoto. Se trovate difficoltà non vi preoccupate stanno smaltendo il traffico", ha detto Ama.

DIODATO: voto 8.

L’eleganza del predestinato solca beata qualsiasi onda. L’essenzialità del suono, della voce, del vestire. È stato profondo ed emozionante, senza sforzo apparente. 

SANTI FRANCESI: voto 6,5.

Morbidi, una coperta calda e suadente per le serate d’inverno. Un pò retrò.

MAHMOOD: voto 7,5

Al netto di qualche inciampo a livello di look (a Sanremo ci sta, ma chi televota alla fine sono gli over 50...) conferma la propria crescita. Canta la strada, come sempre, ma ne fa capire bene le gemme e i tormenti. 

NEGRAMARO: voto 7

In un festival così livellato, non necessariamente verso l’alto, la personalità fa la differenza. Giuliano Sangiorgi è un vocalizzo non nuovissimo, ma che scava la pietra.

LOREDANA BERTÈ: voto 7

A 73 anni o si è fenomeni veri, o si è già tramontati con tutti gli onori. Lei è nata rock e conserva quella voce graffiata e vissuta, pur in un pezzo (“Pazza”) non eccelso. Oltre alla debordante presenza scenica. Questo emenda tutto, anche i capelli turchini.

IL VOLO: voto 5

Volo abbastanza rasoterra. Doti liriche un poco vintage, il pezzo delude.

ORE 21.30 – Arriva Fiorello

Sulle note di Billie Jean di Michael Jackson, ma cantando "Vecchio Frack" di Domenico Modugno, ha fatto il suo ingresso il co-conduttore della serata finale del Festival di Sanremo, Fiorello. "Questo è un uomo straordinario - ha detto lo showman ringraziando Amadeus -. Non sei un partito politico, anzi sei una coalizione da solo. Quest'uomo vince le Europee e si prende l'Eurovision", ha aggiunto Fiorello.

DARGEN D’AMICO: voto 6
Meglio come comunicatore (bello l’appello al cessate il fuoco) che come esecutore. 

GAZZELLE: voto 7

Pacato, soffiato, un poco crooner confidenziale. Già una realtà. Venditti ringrazierà per “Notte prima degli esami”.

BIG MAMA: voto 5,5

Bella voce, personalità che laporta a lanciare messaggi per la comunità Queer. Ma servirebbe anche la canzone.

NEK E RENGA: voto 5

Non tutte le coppie sono come Lautaro e Thuram. Si può essere grande artista senza legarsi chimicamente all’altro.

ORE 21 – Geolier in testa alla classifica provvisoria

Geolier è in testa alla classifica provvisoria. Al secondo posto Angelina Mango, al terzo Annalisa. Quinto posto per il toscano Irama.

ORE 21 – Inno di Mameli

Teatro Ariston in piedi per l'inno di Mameli. Si apre il sipario della serata finale del festival di Sanremo. 

ORE 20.48 – Gli ospiti della politica

Anche la politica al Teatro Ariston di Sanremo per la finale di Sanremo 2024. In platea, per assistere alla finale del festival, ci sono il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'Informazione e all'Editoria, Alberto Barachini, il sottosegretario alla Difesa, Isabella Rauti, il presidente della commissione di Vigilanza Rai, Barbara Floridia, il capo di Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, generale Piero Serino, e il consigliere d'amministrazione della Rai, Simona Agnes.

ORE 20.30 – A Loredana Bertè il Premio della critica

Loredana Bertè ha vinto il Premio della Critica Mia Martini del 74mo Festival di Sanremo. La cantante, in gara con il brano `Pazza´, ha ottenuto 54 voti. Dietro di lei, Fiorella Mannoia con `Mariposa´ ha ottenuto 16 voti e Diodato con `Ti Muovi´ ha ottenuto 15 voti.

Primo piano
Politica e diritti

Pisa, Non Una di Meno copre i manifesti antiabortisti

di Libero Red Dolce
Le nostre iniziative