Il Tirreno

Toscana

L’allerta meteo

Maltempo, in Toscana vento forte, allagamenti e alberi caduti. A Livorno giù il “gabbione” storico, a Marina di Pisa strade come fiumi. Il punto dalle città


	Livorno: la Terrazza Mascagni allagata e il "gabbione" dei Pancaldi distrutto
Livorno: la Terrazza Mascagni allagata e il "gabbione" dei Pancaldi distrutto

Danni e disagi soprattutto sulla costa ma il maltempo non ha risparmiato nemmeno l’entroterra. Vigili del fuoco impegnati anche in diverse zone della Lucchesia e in Versilia

02 dicembre 2023
4 MINUTI DI LETTURA





I temporali nella notte poi le forti raffiche di vento e le mareggiate che stanno provocando danni e disagi in diverse località della costa Toscana. È un sabato con l’allerta meteo arancione nella nostra regione a causa del passaggio di una perturbazione che sta rendendo il tempo parecchio instabile.

LIVORNO 

A Livorno si segnalano disagi sulla Terrazza Mascagni che stamani è stata allagata dalle forti mareggiate con i detriti sparsi sulla carreggiata. La protezione civile ha inoltre disposto la chiusura del viale Italia dalla Baracchina bianca a via Forte dei Cavalleggeri. A causa della mareggiata a Livorno è stato sospeso il traffico marittimo. Le raffiche di libeccio fino a quasi 60 nodi non stanno risparmiando nulla e ai bagni Pancaldi-Acquaviva è stato distrutto il “gabbione” storico, utilizzato per le partite di calcio.

PISA

Problemi anche a Marina di Pisa con le strade del paese che per l’ennesima volta si sono allagate. I cittadini si sono ritrovati a dover nuovamente fronteggiare la furia del mare spinto dal forte vento. In alcuni punti l’acqua ha raggiunto i 30 centimetri di altezza. 

A Pisa città i vigili del fuoco stanno operando con 7 squadre su tutto il territorio provinciale. In arrivo anche una squadra dal comando di Grosseto con autoscala. Gli interventi in coda al momento sono circa 70, in crescita.

PISTOIA

I vigili del fuoco del comando di Pistoia stanno intervenendo a Quarrata, Via Nuova, per la rimozione di un albero caduto su una abitazione che al momento non risulta abitata da nessuno. La squadra VF sta provvedendo al taglio della pianta per poi eseguire la rimozione tramite l'utilizzo di una autogru.

La strada è momentaneamente chiusa per consentire le operazioni di soccorso. Non si segnalano persone coinvolte nell'evento.

LUCCA E VERSILIA

I vigili del fuoco del comando di Lucca stanno intervenendo in soccorso alla popolazione; nella maggior parte dei casi si tratta di alberi caduti sulle linee elettriche o telefoniche, o sulle strade. Da questa mattina sono stati effettuati 15 interventi, 5 in corso di risoluzione e, alle ore 11:30, 40 quelli in coda, la maggior parte dei quali concentrati sulla costa versiliese.

A Viareggio, per allagamenti è stata chiusa via della Foce, che si trova fra via Regia e il canale Burlamacca, a un passo dalla Darsena.

MASSA

L’acqua del mare è arrivata in strada alla Partaccia e a Marina di Massa dove, in via precauzionale, è stato chiuso un tratto del lungomare (dal ristorante Pancino verso Viareggio, ndr). La mareggiata ha provocato danni agli stabilimenti Ida, al Palmo e ai Ronchi, gli stessi che erano stati colpiti un mese fa. A Forno, nelle colline di Massa, c’è stata una frana. 

AREZZO

I vigili del fuoco del comando di Arezzo sono intervenuti in Viale Santa Margherita, dove una pianta è caduta su una vettura con una persona all'interno, che fortunatamente non ha subito conseguenze.

Il personale dei vigili del fuoco ha poi provveduto alla rimozione della pianta per poter ripristinare la normale viabilità. Sul posto anche la polizia Locale e personale del 118.

PIOGGE E FIUMI

Per quanto riguarda le piogge e il livello dei fiumi, il presidente della Regione, Eugenio Giani, scrive sul suo profilo Telegram che «attualmente sta transitando il fronte principale della perturbazione con rovesci e temporali in particolare sulle zone nord occidentali, in estensione nelle prossime ore verso est, che hanno portato all'aumento dei livelli dei fiumi in queste aree. Il Magra a Villafranca in Lunigiana ha superato il primo livello di guardia e si trova a circa 2,5 metri». 

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato sparito dal Santa Chiara: il piccolo non si trova e il padre non collabora, spuntano nuovi elementi, ecco quello che sappiamo

di Andreas Quirici
Le nostre iniziative