Il Tirreno

Toscana

Il meteo

Il freddo non molla, in Toscana estesa l’allerta per vento. E torna anche la neve


	Foto pagina Facebook Pratomagno
Foto pagina Facebook Pratomagno

Nevicate attese sui versanti emiliano-romagnoli dell'Appennino, nell'Alto Mugello, anche a quote collinari, e nell'Appennino pistoiese. Ecco le previsioni del consorzio Lamma

28 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Ancora codice giallo per vento forte su quasi tutta la Toscana, che si estende fino alle ore 12 di mercoledì 1° marzo, ma la novità, per l'intera giornata di domani, è la neve. Dalle dalle prime ore di mercoledì nevicate più frequenti e insistenti sono previste sui versanti emiliano-romagnoli dell'Appennino, ma saranno interessati anche l'Alto Mugello, localmente anche a quote collinari, e parte dell'Appennino pistoiese. Accumuli generalmente poco abbondanti sulle restanti zone appenniniche e attorno al Monte Amiata.

Per il rischio neve il codice giallo emesso dalla Sala operativa della Protezione civile regionale avrà validità, come detto, per tutto mercoledì 1 marzo. Saranno inoltre possibili piogge sparse e anche isolati temporali dal pomeriggio di oggi, martedì 28 febbraio, a partire dalle zone meridionali e dall'Arcipelago e in graduale estensione al resto della regione. Ulteriori dettagli e consigli sui comportamenti da adottare, a seconda del rischio, si trovano all'interno della sezione Allerta meteo del sito della Regione Toscana, accessibile dall'indirizzo www.regione.toscana.it/allertameteo.

Le previsioni del consorzio Lamma per mercoledì 1° marzo

Il cielo sarà molto nuvoloso o coperto con precipitazioni sparse, in trasferimento da sud verso nord. Quota neve intorno a 400-600 metri in Appennino settentrionale, 600-800 metri sull'Appennino aretino e 900-1100 metri sull'Amiata. Venti: moderati o localmente forti da nord-est. Mari: poco mossi sotto costa, mossi o molto mossi al largo. Temperature: minime stazionarie, massime in lieve calo.

Primo piano
Le sabbie mobili dei cantieri

Quante opere pubbliche stritolate fra burocrazia e soldi che mancano: i casi in Toscana, i tempi e i progetti

di Barbara Antoni