Il Tirreno

Il bilancio

Confcommercio Pisa: «Pronti a investire purché ci liberino dalla Bolkestein»

Confcommercio Pisa: «Pronti a investire purché ci liberino dalla Bolkestein»

Pieragnoli: «I balneari sanno che salvaguardare la spiaggia vuol dire difendere il territorio e il lavoro»

05 settembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





«Ringrazio Il Tirreno per questa fotografia intensa e veritiera dell’altissimo livello di qualità, accoglienza e sostenibilità che il turismo balneare toscano ha mostrato, in questa lunga cavalcata estiva, direttamente dalle pagine del giornale». Con queste parole, Federico Pieragnoli (foto), direttore di Confcommercio Provincia di Pisa e Confcommercio Livorno, saluta TirrenoBlu, l’iniziativa promossa e organizzata da Tirreno e Confcommercio Toscana per raccontare il mare, la costa toscana e i suoi bagni, la cura dell’ambiente.

«Il bilancio è estremamente positivo – spiega Pieragnoli – con oltre 40 stabilimenti balneari in rappresentanza delle cinque province toscane bagnate dal mare, che hanno avuto la straordinaria possibilità di raccontare e di raccontarsi, scoprendo un mondo fatto di storie uniche, di intense relazioni, di cura e di grandissimo rispetto dell’ambiente e delle persone. Perché la sostenibilità è nel dna stesso dei balneari». I quali, spiega Pieragnoli, «sanno benissimo che salvaguardare il loro tratto di spiaggia vuol dire non solo difendere al meglio il proprio lavoro, ma anche tutelare un territorio di pregio e rispondere adeguatamente alle esigenze e alle richieste della loro clientela. E allora, agli ingiusti detrattori che gettano la croce su questa categoria, si rileggano le pagine di questo lungo viaggio, che dimostra come gli stabilimenti toscani sono davvero all’avanguardia sui temi della transizione ecologica, del risparmio energetico, dell’accessibilità e della sicurezza, attraverso l’adozione di pratiche e comportamenti altamente sostenibili».

Quali? Da una puntuale e sistematica raccolta differenziata alla messa al bando quasi generalizzata della plastica, con l’uso di forchette, bicchieri, sacchetti e cannucce biodegradabili, dalla temporizzazione delle docce per il risparmio energetico all’uso di lampadine a led, dall’impiego di pannelli solari fino alle colonnine per le auto elettriche.

«Un percorso di assoluto rispetto ambientale – prosegue Pieragnoli – quasi uniforme su tutta la costa toscana, ulteriormente rafforzato da altre due fronti strategici: l’accessibilità per le persone disabili, e penso ad esempio all’iniziativa “Senzabarriere” sulla costa pisana, e la sicurezza dei bagnanti. Sì, perché un bagno garantisce accoglienza e servizi ai clienti e turisti, ma anche assistenza e vigilanza ai bagnanti, cosa che non avviene nelle spiagge libere, una sicurezza al 99%, sottoposta alle verifiche delle capitanerie di porto, col risultato che ogni estate sono molte le persone che vengono salvate. Liberiamo i balneari dalla direttiva Bolkestein, sono certo che arriveranno nuovi e importanti investimenti, nella direzione da tutti auspicata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Esteri

Il presidente Usa Joe Biden: «Mi ritiro dalla corsa alla Casa Bianca». L’endorsement a Kamala Harris

Sport