Il Tirreno

Sport

NERAZZURRI AL COMANDO: IL PERSONAGGIO 

Lucca fa godere Pisa...

Lucca fa godere Pisa...

Due gol e un assist in 180’: l’Arena Garibaldi ai suoi piedi

29 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Andrea Chiavacci

Se tra Lucca e Pisa poi ci sono appena 30 minuti distanza, tra l'ingresso in campo di Lucca e la sua prima doppietta in B con la maglia del Pisa ci son voluti cinque minuti in più. I 35 minuti da quando si è alzato dalla panchina fino al momento in cui per la seconda volta ha chiesto alla curva Nord di alzare il volume dell'esultanza. L'omaggio della Lega B a Lorenzo Lucca, con tanto di riferimento di Google maps, è forse una delle cose più simpatiche uscite per celebrare il centravanti che con la vicina città della Pantera non c'entra proprio nulla. Quello che per molti addetti ai lavori diventerà un attaccante da Nazionale per ora non si monta la testa e usa, molto bene, i piedi. Anzi il magico piede destro che in cinque minuti ha messo ko l'Alessandria con due gol da vero attaccante. Uno che da come si muove non sembra neppure alto due metri e per tutti è un vero anti divo. Riservato e tranquillo nel privato, toro scatenato in campo. Ottima l'intesa con Masucci che oltre a regalargli un assist da favola gli fa anche un po' da chioccia. Fin da quando il timido gigante nato il 10 settembre del 2000 a Moncalieri è arrivato in ritiro a Rovetta a metà luglio dove ha iniziato a cercare la condizione fisica migliore. Alla prima partita vera e arriva subito un gol da animale d'area di rigore a Cagliari in Coppa Italia. Peccato che è in fuorigioco di mezza scarpa e non vale. L'impatto con il campionato ci racconta di un assist vincente dopo 31 secondi con la Spal e della doppietta ai grigi partendo dalla panchina.

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole