Il Tirreno

Prato

Filippo Collini, c’è un pratese nello sci che conta Difenderà i colori dell’Italia in Coppa Europa

di Vezio Trifoni
Filippo Collini, c’è un pratese nello sci che conta Difenderà i colori dell’Italia in Coppa Europa

È arrivato alla convocazione facendo una lunga gavetta costellata di tante vittorie e ringrazia il preside del Convitto Cicognini che ha chiuso un occhio sulle sue assenze

08 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





PRATO. È proprio una bella favola. A difendere i colori biancazzurri nella Coppa Europa di sci, proprio così, sarà il pratese Filippo Collini per il World Racing Academy che sulle nevi vallesi di Zinal cercherà gloria nel gigante che apre la stagione del circuito continentale.

Per i colori azzurri team C Stefano Pizzato, Edoardo Saracco, Pietro Motterlini e l’esordiente Fabio Allasina oltre a Luca Taranzano, Ski Dreams Nidec Monte Lussari FVG, Jonas Bacher del Gsiesertal e l’esordiente nel circuito continentale Filippo Collini, tesserato Academy School Val di Luce ed in forza al WRA.

Un altro inossidabile Senior che arriva in Coppa Europa non per la via tradizionale, che non sempre è quella maestra. Anzi. Il pratese che in inverno fa base in Gardena si racconta.

«In quest’ultimo biennio grazie al lavoro meticoloso del World Racing Academy sono riuscito a raccogliere risultati importanti – dice Collini – Il sesto posto ai tricolori e poi un buon inizio a Solda sono stati preziosi per la convocazione in Coppa Europa. Sono stato avvisato proprio ieri e per me questo è un bel traguardo e voglio affrontare questa occasione al massimo per stare davanti il più possibile. Questo è lo sci che conta, da qua si può ambire all’alto livello».

Il 23enne sciatore pratese ha fatto la spola tra l’Alto Adige e Prato perché ha frequentato lo scientifico al Convitto Nazionale Cicognini e perché il legame con la sua città natale è forte.

«Sono molto legato a Prato perché lì ho la mia famiglia e ho tanti amici – spiega Collini – Poter ora gareggiare in Coppa Europa è anche merito degli insegnanti e del preside che nonostante le molte assenze che ho fatto durante gli anni al Cicognini mi hanno sempre dato la possibilità di studiare a Prato anziché frequentare uno ski college in montagna, come hanno fatto tutti i miei compagni di sci. Il quarto anno del Liceo l’ho fatto in America dove ho continuato a studiare e a sciare e il quinto anno e la maturità sono riuscito a farla a Prato insieme ai miei compagni di classe».

Un ricordo? «Mi ricordo da Allievo che vinsi lo Slalom Speciale a Selva di Val Gardena nella categoria Allievi e nell’Arge Alp una sorta di coppa del mondo giovanile con le regioni alpine di Austria, Germania, Svizzera, Lombardia e Trentino Alto Adige – continua Collini – giunsi terzo in speciale e 7° in gigante».

Poi hai fatto due stagioni davvero speciali. «Sì, il 2023 è andato molto bene con a gennaio il primo posto nello slalom gigante Fis a Kranjska Gora, in Slovenia, poi a febbraio quarto posto nello slalom gigante Far East Cup, Pyeongchang in Corea del Sud, a marzo ho conquistato la prima posizione in due slalom giganti Fis NC a Kronplatz, e in Austria a Telfs ho vinto altri due slalom Fis – dice Collini – Poi è arrivato il 6° posto ai campionati italiani assoluti a La Thuile dove nel Gp Italia senior, riservato agli atleti non in squadre nazionali e nati dal 2000 in poi ho conquistato il primo posto in questa speciale classifica. Al momento sono numero 106 nel ranking mondiale in slalom gigante».

«Il sogno? È sempre stato quello di poter difendere i colori azzurri in Coppa del Mondo – dice Filippo – Avere la chance di gareggiare in Coppa Europa è una grande opportunità dove cercherò di mettermi in luce. Di fronte avrò i migliori sciatori al mondo ma sono sicuro di avere tutta la mia città a fare il tifo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La decisione

Studenti manganellati a Pisa e Firenze: rimossa una dirigente del reparto mobile

Le nostre iniziative