Il Tirreno

Prato

Il rifacimento

Si lavorerà anche durante la notte per rifare la piazza XX Settembre

Si lavorerà anche durante la notte per rifare la piazza XX Settembre

Poggio a Caiano, inaugurato il cantiere che cambierà il centro del paese

19 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





POGGIO A CAIANO. «Oggi inizia una nuova fase». Così il sindaco di Poggio a Caiano Francesco Puggelli ha commentato l’avvio del cantiere in piazza XX Settembre.

Dopo la stipula del contratto con la ditta, ieri sono ufficialmente iniziati i lavori per realizzare la nuova piazza del centro storico di Poggio a Caiano. Giochi, see, alberi e zone all’ombra prenderanno il posto della piazza attuale, una piazza che ancora porta le ferite della tempesta di vento che nel 2015 sradicò molti degli alberi presenti e costrinse l’amministrazione ad abbattere i restanti perché pericolosi.

Il cantiere che si è aperto ieri, sostiene il Comune, è stato pensato per avere un impatto quasi nullo sul traffico veicolare, garantendo l’accesso e il passaggio sia ai cittadini che alle attività commerciali: «Una delle priorità che abbiamo chiesto alla ditta esecutrice è stata garantire l’accesso continuo alla piazza– ha spiegato il sindaco – Devo dire che l’offerta migliorativa che hanno presentato per la risoluzione delle interferenze tiene conto proprio di questa esigenza, a partire dal fatto che gli operai potranno lavorare in orario notturno. Questo non solo accorcerà i tempi dei lavori ma minimizzerà l’impatto del cantiere sulla vita dei poggesi».

Per favorire la partecipazione dei cittadini, sarà realizzato un sito web attraverso il quale chiunque potrà essere aggiornato sull’avanzamento dei lavori tramite le webcam che saranno installate sulla piazza.

Nei prossimi giorni gli operai procederanno a spostare il monumento dei Caduti, recentemente restaurato, che sarà ricollocato successivamente, una volta terminati gli interventi, in una posizione più congeniale rispetto al nuovo assetto della piazza, così come ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici Tommaso Bertini.

Il costo complessivo dell’intervento, comprensivo di oneri, spese tecniche e altre spese connesse è di circa un milione di euro, interamente finanziato dal Comune.

Punto chiave del progetto è la creazione di una superficie continua, che comprende sia la piazza che alcuni tratti delle strade limitrofe, ovvero il tratto di via Vittorio Emanuele II – Largo Filippo Mazzei e parte di via Lorenzo il Magnifico, inglobando anche i marciapiedi circostanti, protetti da dissuasori puntuali, così da ottenere una piattaforma unica che crei un collegamento visivo e materiale con l’intorno. Lo spazio, che avrà un rialzamento di quota, sarà quindi pavimentato come se fosse una piattaforma di pari livello che si sviluppa dalla piazza fino alle abitazioni, in modo da espandere visivamente la piazza limitando, al contempo, nel centro urbano l’impatto viario. Tra gli elementi più distintivi della futura piazza, il cannocchiale visivo incorniciato da portali, e l’incremento delle zone verdi del 20 per cento rispetto a quelle attualmente presenti: alla sinistra della piazza, infatti, sarà inserito un giardino di alberi ad alto fusto, dove sarà anche collocato un chiosco. In continuità con questa prima area si troverà una porzione pavimentata, adatta a manifestazioni ed eventi pubblici, dove saranno inseriti dei giochi d’acqua a raso ma tutto il lato est sarà caratterizzato da un’ampia area verde, con un prato, un boschetto con sedute e giochi per bambini che saranno dotati di tappeto antitrauma.

 

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»