Il Tirreno

Pontedera

Serie C

Pontedera, non è tempo di poesie

di Stefano Scarpetti
Pontedera, non è tempo di poesie

L’undici di mister Canzi a Recanati, città natale di Leopardi: servono tre punti per rafforzare la posizione in classifica in ottica playoff, ma le assenze sono pesanti

19 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PONTEDERA. Ancora in viaggio nel pomeriggio di ieri il Pontedera, stavolta diretto a Recanati, terra natale del celebre poeta Giacomo Leopardi dove i granata in maniera molto più prosaica, saranno chiamati ad affrontare la temibile Recanatese questo pomeriggio ore 17. 30 al “Nicola Tubaldi”. In palio tre punti in chiave playoff per la truppa di Max Canzi, dall’altra parte i padroni di casa chiedono strada per allontanarsi dalle secche della bassa classifica.

Tre squalificati

C’è da capire come la squadra avrà ammortizzato a livello fisico e mentale il recupero di mercoledì scorso a Pesaro, disputato in un campo tutt’altro che perfetto in una sorta di “battaglia” durata 90 minuti. Potrebbero pesare le assenze in difesa degli squalificati Shiba e Martinelli, che insieme a Ladinetti sono stati appiedati dal giudice sportivo.

Il Pontedera si troverà di fronte una squadra in forma, capace di esprimere un calcio frizzante e propositivo: «Sarà una partita completamente diversa rispetto a quella di pochi giorni fa – puntualizza mister Canzi, – la Recanatese ha altre caratteristiche rispetto alla Vis Pesaro. Mercoledì abbiamo affrontato una squadra che giocava sull’avversario, mentre i giallorossi sono sicuramente più coraggiosi. Diverso sarà sia il campo e l’ambiente, ma noi come sempre cercheremo di fare in modo di farci trovare pronti».

Difesa ancora a 3?

Dubbi anche sul modulo, visto che Canzi ha tre difensori a propria disposizione quindi esiste la possibilità di un passaggio al 4-3-1-2, anche se in quel caso sarebbero contati i centrocampisti. Ipotizziamo la conferma del 3-4-1-2, senza escludere cambiamenti anche a livello tattico in corso d’opera: tra i pali anche se Siano è recuperato potremo trovare ancora Stancampiano, Marcandalli e Bonfanti ad occupare i due braccetti con Espeche centrale. Sulle fasce Peli e Goncalves hanno possibilità di essere preferiti a Somma e Perretta impiegati a Pesaro, in mezzo Guidi ed Izzillo – Favorito su Catanese – mentre Benedetti ha buone possibilità di essere confermato sulla trequarti a supporto di Cioffi e Nicastro.

I granata in queste due partite hanno sicuramente raccolto meno di quanto seminato con Carrarese e Vis Pesaro «Se avessimo ottenuto quattro punti non avremmo rubato niente – prosegue Canzi, – peccato per i due punti persi a Pesaro. Stiamo conducendo un buon percorso, davanti a noi ci sono squadre irragiugibili per rosa e budget come le prime quattro, poi nel nostro gruppo siamo dietro soltanto al Gubbio. In questa fase tutte queste squadre stanno andando con la stessa andatura, dobbiamo prestare sicuramente attenzione perché si fa presto ad essere ripresi dagli altri che inseguono». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Bolkestein

Concessioni balneari, la Toscana “brucia” Roma: c’è l’indennizzo per chi perde l’asta. Chi esulta e chi è perplesso

di Mario Neri