Il Tirreno

Pontedera

Il personaggio

L’abbraccio di Ghizzano al medico neopensionato: «Esempio di professionalità e umanità, grazie»

L’abbraccio di Ghizzano al medico neopensionato: «Esempio di professionalità e umanità, grazie»

I cittadini hanno consegnato una targa e una lettera toccante al dottor Gaspero Pitti: «Hai sottratto tempo alla tua vita per tutti noi con una straordinaria dedizione al lavoro»

09 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PECCIOLI. Passione, generosità, sensibilità. Sono alcune delle doti con le quali il dottor Gaspero Pitti ha svolto la sua attività di medico di famiglia per tantissimi anni. Caratteristiche tutt’altro che scontate e che gli sono state riconosciute dalla sua comunità. Che gli vuole bene.

E gliel’ha detto (e scritto) pubblicamente, nell’ambito di una piccola cerimonia organizzata dai paesani al termine della messa domenicale nella sua Ghizzano, dove aveva l’ambulatorio (oltre che a Fabbrica, a Peccioli e a Legoli), fino allo scorso 31 dicembre, quando è andato in pensione.

I ghizzanesi gli hanno consegnato una targa «per l’instancabile impegno professionale ed umanitario offerto con passione e generosità nei lunghi anni di servizio alla comunità», che gli è stata consegnata da don Carlo Gronchi.

Ma i sentimenti e la riconoscenza della comunità sono stati riassunti anche in una toccante lettera aperta: «Il giorno che temevamo – si legge - è arrivato. Pur essendo felici per te ci mancherai come medico. Ci mancherà la tua professionalità, la tua preparazione e competenza. Hai svolto il tuo lavoro sempre attento ad ogni sintomo, anche il più piccolo, sempre pronto ad approfondire. Grazie per l’attenzione, la disponibilità, la sensibilità con cui ogni paziente è stato accolto nel tuo ambulatorio. Ogni stagione della vita ha le sue problematiche e tu, hai sempre trattato il paziente come essere umano prima che come ammalato. Grazie alla tua generosità ognuno di noi, giovane e meno giovane, si è sentito sempre accolto in ogni sua difficoltà piccola o grande che fosse».

«Grazie per la tua straordinaria dedizione al lavoro che ti ha portato a casa di molti pazienti ad ogni ora del giorno e della notte. Grazie per le mille indicazioni, i suggerimenti, i chiarimenti elargiti negli anni. Sono stati utili e rassicuranti! Grazie per essere stato in tutti questi anni il grande professionista che sei, per esserti preso cura della salute e del benessere dei tuoi pazienti che penseranno sempre a te con gratitudine e stima. Grazie per il tempo che hai dedicato ad ognuno di noi, spesso sottraendolo alla tua vita e a quella della tua famiglia».

Parole che hanno inevitabilmente colpito il medico, commosso di fronte a una dimostrazione d’affetto collettiva genuina e tutt’altro che frequente, con i paesani che – al di là dell’aspetto professionale del dottor Pitti – hanno voluto evidenziare anche l’impegno di Gaspero, sempre pronto a dare una mano alle iniziative più svariate che nel corso degli anni si sono tenute a Ghizzano.

«Il tuo servizio alla comunità non si è fermato al ruolo di medico – si legge ancora nella lettera – ma ti abbiamo visto come bassista ai concerti, come barman al circolo, con la tunica nera a processione e come lavapiatti per la sagra».

Si chiude un bellissimo capitolo, dunque, tra applausi, sorrisi e occhi lucidi, prima del brindisi collettivo. Ma la stima e l’affetto sono immutati e Gaspero Pitti continuerà ad essere una colonna portante del paese: «Adesso, visto che vai in pensione, ti avremo perso come medico, almeno ufficialmente, ma siamo sicuri - concludono i ghizzanesi nella loro lettera - che ti troveremo sempre più spesso, come amico impegnato in tutte le altre attività».

Primo piano
Viabilità in tilt

Incidente in autostrada, camion perde il carico di tronchi: sei feriti e traffico in tilt

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative