Il Tirreno

Pontedera

Il progetto

Ambulanza e pulmino per aiutare il Senegal, il gesto di solidarietà della Pubblica Assistenza di Calcinaia

Ambulanza e pulmino per aiutare il Senegal, il gesto di solidarietà della Pubblica Assistenza di Calcinaia<br type="_moz" />

Consegna dei mezzi che partiranno via nave la prossima settimana per il Paese africano. Allo studio anche un protocollo d’intesa per dare continuità a questa collaborazione

30 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Calcinaia Da Pisa alla Valdicecina, passando dalla Valdera. Corre su questo binario la solidarietà del mondo del volontariato e, più precisamente, della Pubblica assistenza. Domenica, infatti, nella sede pisana di via Bargagna, nell’aria di fronte all’edificio che ospita servizi e volontari, si è svolta un’importante ma significativa cerimonia in favore della Confederazione delle associazioni dei senegalesi in Toscana.

Alla presenza del coordinatore della zona pisana di Anpas (che comprende 16 Pubbliche assistenze), Graziano Pacini e dei presidenti della Pubblica assistenza di Montecastelli Pisano, nel territorio comunale di Castelnuovo Valdicecina, Giovanni Martignoni , e della Pro Assistenza di Calcinaia, Nila Arzilli, sono stati donati due automezzi alla Confederazione delle associazioni dei senegalesi in Toscana (Casto). Nello specifico si tratta di un’ambulanza, da parte della Pubblica Assistenza di Montecastelli Pisano) e di un pulmino, donato dall’associazione di volontariato di Calcinaia. I mezzi, la prossima settimana, andranno via nave in Senegal e in particolare alla comunità di Triarhar che si trova nell’entroterra del Paese africano a quasi 200 chilometri a Est della capitale Dakar, a supporto dei servizi di salute in quei territori. «In questa vasta area interna, ci sono pochi luoghi attrezzati con servizi sanitari e grandi distanze da superare per essere curati – spiegano dall’associazione di volontariato –. In questo contesto i due automezzi donati saranno fondamentali per poter trasportare persone ammalate in luoghi attrezzati per le prime cure mediche. Un gesto concreto di solidarietà che, come per le donazioni precedenti, potrà essere replicato nei prossimi anni, gesto auspicato dallo stesso Graziano Pacini a nome di Anpas zona pisana.

I rappresentanti delle Associazioni dei senegalesi hanno sottolineato un comune impegno e interesse a valutare la possibilità di tradurre il comune auspicio in un protocollo d’intesa che sancisca questi intenti condivisi.

Presenti alla cerimonia numerosi volontari e presidenti di altre Pubbliche assistenze della zona pisana di Anpas. «Da parte di tutti la soddisfazione per il concretizzarsi di un gesto di solidarietà rivolto, in questa occasione, a persone che vivono in luoghi così diversi e lontani da noi ma in cui ci sono grandi difficoltà, simili ma più complesse delle nostre, e ogni aiuto può fare la differenza. Perché nessuno si salva da solo», sottolineano dalla Pubblica assistenza. l

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative