Il Tirreno

Pontedera

Toscana economia
Economia

A Crespina Lorenzana nascerà la cittadella logistica di Baker Hughes


	Lo stabilimento di Baker Hughes a Carrara
Lo stabilimento di Baker Hughes a Carrara

Firmato il protocollo con la Regione, raccoglierà i materiali in arrivo dagli stabilimenti italiani ed esteri

29 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CRESPINA LORENZANA. È stato firmato oggi il protocollo di intesa per la realizzazione del complesso logistico-industriale di cui l'azienda Baker Hughes si servirà per raccogliere i materiali in arrivo dai propri stabilimenti italiani ed esteri, nonché dai suoi fornitori. La futura 'cittadella logistica', così definita dai proponenti, sorgerà nel territorio di Crespina Lorenzana e sarà costruita da Techbau per conto del Consorzio G4, che fornirà servizi logistici a Baker Hughes per i prossimi anni.

L'intesa è stata firmata dal presidente di G4 S.c.a.r.l., Enrico Bazzi,  dall'amministratore delegato di Techbau S.p.A., Andrea Marchiori, dal Presidente Nuovo Pignone, Baker Hughes, Paolo Noccioni, dal sindaco di Crespina Lorenzana, Thomas D'Addona, e dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani.

«Il protocollo - afferma il presidente - accompagnerà, in una sana dialettica pubblico-privata, la realizzazione di un polo competitivo per il territorio e dialogante con le altre piattaforme logistiche a controllo pubblico presenti in zona, a partire dall'Interporto Toscano Amerigo Vespucci nell'adiacente comune di Collesalvetti, tenendo conto delle future potenzialità infrastrutturali derivanti dallo scavalco ferroviario in zona finanziato con 20 milioni da Regione Toscana, così come dalla futura piattaforma Europa nel porto di Livorno, finanziata con 200 milioni di fondi regionali. Come Regione, abbiamo anche chiesto ai soggetti privati coinvolti in questa operazione l'inserimento di una clausola sociale nella gara di appalto a tutela della continuità occupazionale rispetto al pregresso, sancita poi tramite intese sindacali, così come ci attendiamo l'attivazione di un ulteriore indotto locale. In definitiva - conclude Giani  - il protocollo conferma la centralità del territorio toscano nelle strategie di Baker Hughes, come dimostreranno anche ulteriori sviluppi industriali attesi prossimamente su Massa Carrara e Firenze».

Il protocollo di intesa accompagnerà lo sviluppo del polo logistico che servirà Baker Hughes affrontando i vari aspetti urbanistici, paesaggistici, viabilistici, energetici. G4, il soggetto che ha vinto nel 2022 la gara di appalto logistico di Baker Hughes, si impegna a portare avanti all'interno della Cittadella attività relative al ciclo produttivo di Baker Hughes o attività di aziende partner legate al ciclo industriale dell'azienda, restando esplicitamente escluse le attività di logistica distributiva locale in quanto non compatibili con le caratteristiche dell'area. Baker Hughes, in particolare, si servirà della Cittadella per raccogliere i materiali in arrivo dagli stabilimenti italiani di Firenze, Massa, Avenza (Massa Carrara), Bari, Vibo Valentia e Talamona (Sondrio) ed esteri (europei, Stati Uniti e Asia, Medio Oriente) e dai suoi fornitori dislocati in tutto il mondo, oltre alle spedizioni a destinazione presso i clienti dell'azienda in tutto il mondo.

Techbau S.p.A., primaria azienda italiana operante nel settore della logistica, terziario, industriale e delle energie rinnovabili, sarà il soggetto attuatore del nuovo insediamento su mandato di G4 S.c.a.r.l., società attivata ad-hoc per la gestione di servizi logistici avanzati e costituita tra Mvan, operatore di logistica integrata (4-5PL), Medlog Italia (Msc Company) parte del gruppo MSC, operatore in ambito di trasporti multimodali e con competenze anche in attività doganali e gestione di banchine portuali, Fagioli, operatore nel segmento della logistica relativo ad attività di grandi sollevamenti e trasporti eccezionali, Foppiani Trasporti da sempre specializzato in trasporti su gomma sia tradizionali che eccezionali.

Primo piano
La storia

«Aiuto, sto per partorire in casa»: la paura e il lieto fine grazie alla corsa dei volontari di Livorno

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative