Il Tirreno

Pontedera

Una panchina gialla di nome Gina per sensibilizzare ragazzi e adulti

Una panchina gialla di nome Gina  per sensibilizzare ragazzi e adulti

20 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





CALCI. Si chiama Gina ed è la panchina gialla contro il bullismo e il cyberbullismo inaugurata al Parco delle Fonderie dal consiglio comunale dei ragazzi di Calci. Sono stati loro stessi a volerla e a realizzarla in occasione della Giornata nazionale contro il bullismo, celebrata il 7 febbraio, aderendo alla campagna di sensibilizzazione della onlus Helpis con il sostegno del ministero dell’Interno e di Anci. I ragazzi, guidati dal loro sindaco Leonardo Rossi, hanno letto poesie e mostrato cartelli contro il bullismo, frutto di un percorso di approfondimento portato avanti all’interno dell’Istituto comprensivo “Ilaria Alpi” grazie alle docenti Renata Bibbiani per Calci e Maria Rita Puntoni per Vicopisano. Dove gli studenti, nelle settimane scorse, hanno installato un’altra panchina gialla, a San Giovanni alla Vena.

La panchina gialla calcesana ha trovato posto al Parco delle Fonderie, luogo di gioco ma anche di incontro e di crescita per bambini e adolescenti. D’ora in poi Gina, col suo giallo acceso, starà là ogni giorno dell’anno come monito contro lo spettro del bullismo e come richiesta quotidiana di impegno e di attenzione, anche da parte degli adulti. «Siamo grati al consiglio dei ragazzi – commenta la vicesindaca Valentina Ricotta -, che oggi aggiunge questa panchina alle tante iniziative portate avanti in questi anni, pensando non soltanto ai loro coetanei. La panchina gialla invita tutti, anche gli adulti, al rispetto delle diversità e a guardare oltre gli steccati degli stereotipi, per una società che sappia essere meno giudicante e più accogliente». Anche la panchina gialla calcesana sarà presto geolocalizzata, per entrare così a far parte della una rete nazionale contro il bullismo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Le sabbie mobili dei cantieri

Quante opere pubbliche stritolate fra burocrazia e soldi che mancano: i casi in Toscana, i tempi e i progetti

di Barbara Antoni