pontedera
cronaca

Cannavacciuolo apre il ristorante a Terricciola: viaggio nel resort di lusso, tra delizie e arredi chic

Anche sei appartamenti e una piscina nella prima struttura toscana di Laqua


22 giugno 2022


TERRICCIOLA. I documenti finali sono arrivati e Laqua Vineyard apre venerdì 24 giugno a Casanova delle Spinette, nel territorio di Terricciola, come annunciato dal giornale Il Tirreno nei giorni scorsi «È il quarto nato della collezione Laqua Resorts e porta in Toscana i sapori e l’ospitalità by Cannavacciuolo e una nuova venue dove organizzare piccoli e grandi eventi», dicono dalla società del noto chef stellato e televisivo originario di Vico Equense, in provincia di Napoli. Per la prima volta, Antonino Cannavacciuolo e sua moglie Cinzia Primatesta aprono il nuovo resort della collezione Laqua in Toscana.

«Siamo emozionati ed entusiasti di questo nuovo nato all’interno della Collezione Laqua Resorts. Abbiamo inaugurato questo brand e la sua nuova ospitalità, lo scorso anno, e non ci sembra vero di poter portare anche in Toscana il nostro amore per l’accoglienza e la cucina, in un luogo così unico – dicono Cinzia e Antonino Cannavacciuolo – È la nostra prima volta al di fuori del Piemonte e della Campania, ma siamo certi che una destinazione come questa, così amata a livello nazionale e internazionale, con un grande potenziale, potrà essere per noi un patrimonio inestimabile da cui partire per guardare, insieme, al futuro».

Nel piccolo borgo etrusco di Casanova – in località Casanova delle Spinette – in una cornice naturale fatta di suggestioni, profumi, colori, Laqua Vineyard apre come il quarto resort della collezione, dopo Meta di Sorrento, Ticciano e il Lago d’Orta. All’interno del borgo di Casanova – l’indirizzo dell’ospitalità del Gruppo Cannavacciuolo prende vita seguendo il Dna de Laqua Resorts: il nuovo Laqua Vineyard accoglie al suo interno il primo ristorante Cannavacciuolo Vineyard in Toscana e 6 appartamenti – sorgerà anche l’area benessere e aprirà la piscina privata. Il casale dove apre Laqua Vineyard si sviluppa su due piani con un ampio spazio dedicato al ristorante, che si chiama qui Ristorante Cannavacciuolo Vineyard e che d’estate accoglie gli ospiti anche nel giardino privato. Nella parte centrale del casale, il ristorante è protagonista, con la cucina a vista, il grande tavolo degustazione – “Social Table” – dove potersi ritrovare, come a casa tra amici o per le occasioni speciali insieme e il “Privé” – il tavolo che grazie all’interior design diventa il più intimo e riservato del ristorante.

Lo chef porta in Toscana la sua filosofia di cucina, traendo anche ispirazione per nuovi piatti, che nascono dall’utilizzo della materia prima locale e dal suo personale incontro con la Toscana. Sono proprio i prodotti locali protagonisti nei piatti che Cannavacciuolo ha creato per questo nuovo indirizzo dei suoi sapori.

Due i menu degustazione e uno à la carte – tra le proposte, gli “spaghetti, estratto di peperone, pil pil di baccalà, polvere di limone” e il “piccione, insalata di patate e mela verde, chutney al rabarbaro”. Alla guida della brigata del nuovo ristorante, l’executive chef Marco Suriano, formatosi al relais Villa Crespi e con all’attivo esperienze in icone alberghiere.

Tra i 60 e i 70 posti a tavola con la possibilità di organizzare grandi eventi utilizzando la vicina cantina vinicola della Famiglia Rivetti, proprietaria dell’immobile dove apre il ristorante del noto chef.

Nello stesso casale si trovano i sei appartamenti, cherichiamano il concetto di “casa” di tipologie diverse con nomi ispirati alle storie mitologiche, Cupido, Afrodite, Narciso, Euridice, Dioniso, Penelope. Dotati di una o due camere da letto, tutti gli appartamenti sono stati studiati con area living e angolo cottura. Infine, Laqua Vineyard inaugurerà anche una piscina privata esterna, per gli ospiti del resort, vista vigneti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.