Il Tirreno

Pontedera

Il negozio-simbolo compie 60 anni Capannoli festeggia Marta e Marusca

Il negozio-simbolo compie 60 anni Capannoli festeggia Marta e Marusca

Il plauso di Confcommercio e della sindaca per il traguardo speciale 

29 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





moda e passione

Tutto è cominciato il 28 aprile 1961, quando Marta Veracini ha aperto per la prima volta la porta del suo negozio “Moda Marta” in via Volterrana a Capannoli, con una licenza per vendita di chincaglieria e tessuti. Una realtà specializzatasi nella vendita al dettaglio di abbigliamento e intimo per uomo, donna e bambino che festeggia 60 anni di attività. «Un bellissimo traguardo che testimonia la passione e l’impegno di un negozio a gestione familiare diventato punto di riferimento per Capannoli e i paesi vicini» sottolineano Federica Grassini e Federico Pieragnoli, presidente e direttore di Confcommercio provincia di Pisa. «Festeggiare i 60 anni in un contesto come quello attuale rappresenta un’impresa eccezionale, considerate tutte le difficoltà che il commercio al dettaglio, il settore dell’abbigliamento e il comparto moda stanno affrontando».

«Dopo la scomparsa di mio padre, nel 1971 – racconta Marusca Bottoni, che oggi gestisce l’attività inaugurata dalla madre Marta – sono entrata in negozio per aiutare mia mamma, e mai avrei pensato che questo lavoro potesse regalarci soddisfazioni che ripagano di ogni sacrificio. Voglio dedicare questo traguardo proprio a mamma, che oggi ha 88 anni, e alla sua straordinaria forza di volontà, e ci tengo particolarmente a ringraziare i nostri straordinari clienti, che ci hanno scelto, supportato e aiutato, anche nei momenti più difficili. Se siamo arrivati a festeggiare 60 anni è merito loro e della comunità di Capannoli, che ci ha sempre sostenuto».

«Con Marta prima e con Marusca dopo – afferma la presidente del Centro Commerciale Naturale di Capannoli e Santo Pietro Belvedere, Silvia Rocchi – questa attività ha segnato un’epoca per il nostro territorio, e dietro al successo di Moda Marta ci sono state, negli anni, tante scelte coraggiose che devono essere di esempio per tutti noi». Marusca ha ricevuto anche la visita della sindaca Arianna Cecchini e della consigliera delegata Alessandra Marianelli, che le hanno consegnato una targa a nome della comunità. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il brutto gesto

Vandalizzate quattro sculture di Giò Pomodoro in mostra a Pietrasanta