Il Tirreno

Pontedera

La madre: «Giustizia non è stata fatta Mi sento ferita»

La madre: «Giustizia non è stata fatta Mi sento ferita»

«Sono sconcertata, offesa e senza parole». Alla lettura della sentenza che condanna Alfredo Di Giovannantonio (nella foto) scoppia in lacrime Carla Mattolini, la madre di Mara Catani Nieri: «Non si...

19 gennaio 2016
1 MINUTI DI LETTURA





«Sono sconcertata, offesa e senza parole». Alla lettura della sentenza che condanna Alfredo Di Giovannantonio (nella foto) scoppia in lacrime Carla Mattolini, la madre di Mara Catani Nieri: «Non si può dire che sia stata fatta giustizia. Le sentenze non si commentano, ma mia figlia è stata lasciata morire sola come un cane. Come mamma posso dire solo che mi sento ferita nuovamente». Mattolini, fin dalle ore successive alla morte della figlia, aveva avuto terribili sospetti su quello che poteva essere realmente successo. «Si picchiavano spesso – racconta – ma lei non voleva denunciare il compagno e alla fine ha pagato con la vita. Sono rimasta impietrita. Penso che chi ha ucciso mia figlia è libero e, probabilmente, non farà nemmeno un giorno di carcere in attesa che la sentenza diventi definitiva. E poi i giudici non hanno nemmeno preso in considerazione l’ipotesi del risarcimento danni e di una provvisionale. La vita proprio non conta... E pensare che della corte giudicante facevano parte anche alcune donne».

Primo piano
La decisione

Studenti manganellati a Pisa e Firenze: rimossa una dirigente del reparto mobile

Le nostre iniziative