Il Tirreno

Pontedera

L’inchiesta

Pisa, 14 lavoratori in nero trovati in bar e ristoranti: maxi multa ai titolari. Il clamoroso caso a San Miniato

Pisa, 14 lavoratori in nero trovati in bar e ristoranti: maxi multa ai titolari. Il clamoroso caso a San Miniato

Si tratta di persone tra i 17 e i 63 anni sconosciute agli enti previdenziali e assistenziali. E ora 7 locali rischiano la sospensione dell’attività

30 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PISA. Scoperti 14 lavoratori in nero in bar, ristoranti e agriturismi della provincia di Pisa. Le Fiamme gialle, in queste settimane di novembre, hanno intensificato i servizi di controllo economico del territorio, intervenendo in diversi ristoranti e agriturismi, al fine di verificare la corretta applicazione della normativa in materia di lavoro.

I militari del gruppo di Pisa, delle compagnie di Pontedera e San Miniato, e della tenenza di Volterra hanno individuato 14 lavoratori in nero e/o irregolari intenti a lavorare dietro un bancone, ovvero impiegati con mansioni di cameriere, pizzaiolo, aiuto cuoco, lavapiatti, tutti di età compresa tra i 17 ed i 63 anni, sia italiani che stranieri.

Il caso di San Miniato

In un caso, all'atto dell'accesso in un ristorante di San Miniato erano presenti dei lavoratori intenti ad allestire la sala e a cucinare. I militari hanno identificato tutti i soggetti presenti intenti a lavorare e da quanto dichiarato dai medesimi veniva pertanto accertata la presenza di tre lavoratori a nero, tutti di origine straniera (cinese e filippina).

Il caso di Volterra

Nel corso di un altro controllo eseguito a Volterra è stata accertata la presenza, in un bar, di una lavoratrice regolarmente assunta in una società con mansioni di cameriera, sorpresa a svolgere la propria attività in un luogo diverso e per un’altra società avente però lo stesso socio amministratore e proprietario.

Le sanzioni

Tutti i lavoratori sono risultati completamente sconosciuti agli enti previdenziali ed assistenziali e la loro opera non sarebbe stata riconosciuta ai medesimi ai fini pensionistici. Ai datori di lavoro che impiegavano la manodopera irregolare sarà elevata la maxi sanzione prevista dalla normativa. Per sette esercizi commerciali è scattata anche la proposta di sospensione dell’attività.

Il lavoro della Finanza

Complessivamente, dal mese di agosto ad oggi, le Fiamme Gialle pisane hanno individuato 25 lavoratori “in nero” o irregolari e sanzionato nove datori di lavoro, nei settori della ristorazione e turistico-ricettivo, che li avevano assunti senza provvedere a regolarizzare la loro posizione previdenziale ed assistenziale. 

Primo piano
Dopo il disastro

Crollo all’Esselunga di Firenze, il governo prepara nuove misure. Controlli nei cantieri edili: i dati choc

Le nostre iniziative