Il Tirreno

Pistoia

Niente Melani per l’Aglianese e un Bellucci da condividere

di Stefano Baccelli
Niente Melani per l’Aglianese e un Bellucci da condividere

Il “niet” del Comune di Pistoia alla richiesta neroverde

30 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





AGLIANA. Qualche settimana fa la dirigenza dell’Aglianese lanciò un grido di dolore: «Non possiamo continuare ad essere dei nomadi. Ad Agliana nessuna struttura è a nostra disposizione per far allenare la squadra. Siamo stati costretti ad effettuare a Borgo a Buggiano la preparazione per diverse settimane e successivamente ci siamo allenati a Montemurlo», disse il direttore operativo Fabio Taccola alcune settimane orsono.

Il quale proseguì: «Se tutto questo non bastasse quando la domenica giochiamo al Bellucci le gare di campionato troviamo una campo devastato dalle numerose partite delle squadre giovanili. Dobbiamo in tutti i modi cercare un’alternativa. Se non cambierà qualcosa saremo costretti a giocare in una struttura fuori dal Comune di Agliana». Taccola non rivelò quale fosse l’alternativa al Bellucci, ma evidente questa era il Melani di Pistoia, considerando che venerdì scorso è arrivato nella sede di via Como il “niet” dell’amministrazione comunale di Pistoia proprietaria della struttura di via delle Olimpiadi alla richiesta neroverde di giocare nello stadio pistoiese.

L’Aglianese a questo punto dovrà pensare ad altre soluzioni. Probabilmente non ultima quella di continuare a giocare al Bellucci. Da questo punto di vista, se sono reali le affermazioni del sindaco della città della Piana, l’Aglianese, che domenica giocherà in casa contro il Mezzolara, potrebbe trovare un terreno di gioco migliore rispetto a due settimane fa.

«Abbiamo effettuato interventi al terreno di gioco per migliorare le sue condizioni. Non possiamo però concedere il Bellucci in esclusiva all’Aglianese» ha dichiarato il primo cittadino, Luca Benesperi. Il problema dell’uso non esclusivo rimane, dunque.

Inoltre i lavori di costruzione dei nuovi spogliatoi sembrano procedere a rilento e il colpo d’occhio sui container non è dei migliori. Alcune settimane fa il club arancione tramite Maurizio De Simone – respingendo l’ipotesi di far giocare l’Aglianese al Melani a domeniche alterne – aveva scandito che lo stadio deve essere in uso esclusivo alla Pistoiese.

Appare abbastanza paradossale che una società pretenda l’esclusiva, mentre un’altra di pari categoria debba accettare la convivenza con altre realtà tanto più nel giorno della partita. Il problema è la coperta corta: il Melani attuale sembra un campo di patate e il Bellucci un prato distrutto vicino ad un cantiere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La ricostruzione

Femminicidio a Barga, uccisa all'ultimo appuntamento: il coltello di Rambo, la separazione e quella volta che la casa bruciò

di Luca Tronchetti
Le nostre iniziative