Il Tirreno

Pistoia

Calcio

Dichiarata fallita l’Us Pistoiese 1921, ecco chi è il curatore e cosa succede adesso

di Massimo Donati
Lorenzo Paci
Lorenzo Paci

Accolta l’istanza di liquidazione giudiziale presentata dalla procura

16 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PISTOIA. La decisione, che già da martedì mattina, 14 maggio, appariva più che scontata, è arrivata: l’Us Pistoiese 1921 srl è stata dichiara fallita. Con la sentenza depositata ieri (mercoledì 15 maggio), il tribunale fallimentare collegiale ha accolto l’istanza di liquidazione giudiziale avanzata dalla stessa procura della Repubblica a fronte del dissesto economico della società riscontrato nel corso dell’inchiesta aperta lo scorso gennaio con l’ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta.

La nomina

Contestualmente alla dichiarazione di fallimento, il tribunale ha anche provveduto alla nomina del curatore fallimentare. Si tratta del commercialista Lorenzo Paci, 46 anni, di Pistoia, dello studio associato Paci Caselli Abbri. Il noto professionista ha formalmente tre giorni di tempo per decidere se accettare o meno l’incarico, ma ha fatto sapere che già nella giornata di oggi comunicherà al tribunale la propria disponibilità, per poi acquisire l’intera documentazione relativa al procedimento. Solo dopo aver studiato approfonditamente la situazione debitoria della società arancione, in accordo con il giudice delegato Sergio Garofalo, provvederà a fissare la data della prima udienza di verifica dello stato passivo (che si aggira attorno ai 2 milioni di euro), convocando creditori e debitori della Pistoiese.

L’iter

Come detto, la liquidazione giudiziale (il nuovo termine con cui si definisce il fallimento) era scontata dopo che martedì mattina, davanti al giudice delegato, si erano presentate soltanto le pm titolari dell’inchiesta per bancarotta fraudolenta (Luisa Serranti e Linda Gambassi): nessuno in rappresentanza della società, né la dimissionaria amministratrice unica Matilda Jace, né un professionista incaricato dalla proprietà di presentare un qualche tipo di piano di salvataggio.

L’inchiesta

L’inchiesta penale, avviata con le ipotesi di reato di bancarotta e di fatturazioni per operazioni inesistenti, vede al momento indagati il 44enne ex patron arancione Maurizio De Simone, Matilda Jace, 37 anni, Antonio Gammieri, 68 anni, padre dell’avvocato ex amministratore unico del club, e Omar Vecchione, 48 anni, creatore della Omav, la società che, nella stagione calcistica 2022/23 era partner commerciale della Pistoiese e di cui risultava dipendente lo stesso De Simone: i rapporti furono interrotti dalla Pistoiese dopo che, a dicembre 2022, la sede della Omav fu visitata dalla finanza a seguito di un’indagine della procura di Avellino per una truffa da 15 milioni di euro sui bonus facciata.

Le indagini per l’ipotesi di bancarotta, affidate ai finanzieri della sezione di pg della procura di Pistoia, hanno preso il via in seguito al recapito sui tavoli del palazzo di giustizia, lo scorso dicembre, di un esposto anonimo, in cui venivano sottolineati gli elementi sospetti e in un certo modo incomprensibili della travagliata gestione legata a Maurizio De Simone, finito in carcere il 4 aprile successivo nell’ambito dell’inchiesta della procura europea di Venezia su una maxi-truffa da 600 milioni sui fondi Pnrr.

Il futuro del club

Intanto, per quanto riguarda il futuro del club arancione, pare ormai bene avviato il progetto che vede la fusione con l’Aglianese calcio e la nascita di una nuova società, presieduta dall’ingegnere Sergio Iorio e con ai vertici apicali l’attuale presidente neroverde Fabio Fossati. Massimo Taibi è ad ora il nuovo diesse in pectore del nascituro club. La nuova Pistoiese ha già anche un nome (forse provvisorio): si chiamerà esattamente “Fc Pistoia 1921”. E il nuovo logo sarà uno scudo a scacchi bianchi e arancioni sormontato da una corona e sorretto da due “micchi” arancioni stilizzati. Il nuovo club avrà anche una sua squadra giovanile di futsal e il settore giovanile sarà di nuovo guidato da Filippo Baragli, e avrà in tutto e per tutto la stessa organizzazione di quello della defunta Pistoiese, con qualche new entry, in particolare nell’area scouting. Tornerà nei ranghi l’ex segretario Manuele Mazzoncini. Per il marketing spunta il nome di Stillitano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Il processo

Impagnatiello parla in aula: «Veleno a Giulia mentre dormiva, l’ho accoltellata al collo». I dettagli choc dell’omicidio – Video