Il Tirreno

Pistoia

L’evento

Piastrechef, sarà la cucina il tema degli aspiranti campioni della bugia

Foto di squadra per gli organizzatori del campionato
Foto di squadra per gli organizzatori del campionato

Pistoia, presentata la 47ª edizione. Il concorso internazionale sarà invece sulla pace

25 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LE PIASTRE. Antipasto (è proprio il caso di dirlo) della 47ª edizione del campionato italiano e internazionale della bugia delle Piastre, dedicato quest'anno alla cucina.

Con la consueta ironia che da sempre lo caratterizza, l'appuntamento del primo fine settimana di agosto (sabato 5 e domenica 6) sarà chiamato "Piastrechef", sulla falsariga appunto di una celebre trasmissione televisiva che incolla davanti al video grandi e piccini. Se al principio era la sola Wilma De Angelis a tentare di conquistare il pubblico fra un soufflé e una frittura, adesso la cucina è ovunque e dovunque. E ciò non poteva essere sfuggito agli organizzatori che, nella conferenza stampa tenutasi al caffé Valiani di sant'Agostino, spiegano: «Siamo stati costretti a respingere la proposta di servire necci fatti con la farina di grillo anziché con la farina di castagne. Ci pareva una vera crudeltà che neanche Pinocchio, che con i grilli aveva un gran bel rapporto, ci avrebbe perdonato». Il confine fra realtà e bugia è quindi labile e quasi invisibile. Quello che è certo è che quest'anno la cucina sarà il tema di ispirazione di 5 delle 6 declinazioni della bugia: quella grafica, quella dedicata alle strisce, quella radiofonica, quella letteraria e quella verbale. La bugia internazionale avrà invece come tema la pace. Così ha infatti spiegato Emanuele Begliomini, Magnifico Rettore dell'accademia: «Nel mondo ci sono oltre 50 conflitti armati e noi speriamo che il tema della pace venga affrontato da tutti, dai russi agli ucraini, dagli iraniani agli statunitensi».

Quest'anno I lavori grafici potranno pervenire all'indirizzo dell'accademia (recuperabile dal sito ufficiale www.labugia.it) entro il 7 luglio. Per quanto concerne la tradizionale sezione verbale, il numero massimo di concorrenti è stato fissato in 22 partecipanti che, a differenza degli anni passati, dovranno far pervenire la loro candidatura entro il 31 luglio (cioè una settimana prima del consueto). Il disegnatore napoletano Raffaele Mollica (vincitore della sezione grafica lo scorso anno) ha realizzato il gadget "la patente del bugiardo 2023" (che si può richiedere con un contributo di 10 euro a accademiabugia@gmail.com) mentre i vincitori della sezione verbale saranno premiati dallo scrittore Sandro Veronesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
L’analisi

Astensionismo in Toscana, da Berlinguer a Vannacci perché alle Europee si vota sempre meno

di Libero Red Dolce e Federica Scintu