Il Tirreno

Pistoia

Sanità in lutto

Addio al dottor Andrea Chiavacci, una vita per i malati oncologici

Addio al dottor Andrea Chiavacci, una vita per i malati oncologici

L’ex primario di radioterapia del Ceppo di Pistoia si è spento all’età di 76 anni

19 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





PISTOIA. È morto all’età di 76 anni il dottor Andrea Chiavacci, ex primario di radioterapia all’allora ospedale del Ceppo di Pistoia. Nato a Firenze il 23 aprile 1946, era residente a Pistoia da molti anni, dove aveva lavorato all’ospedale dal 1993 al 2009, anno in cui è andato in pensione.

Nel 1993, avuto l’incarico di primario ospedaliero di radioterapia, si dedica alla riorganizzazione della struttura, nonché a quella delle strutture oncologiche ospedaliere e territoriali, organizzando una rete di collaborazione con i medici di famiglia e i medici ospedalieri e curando la formazione con seminari anche per gli infermieri. Consegue poi la responsabilità del servizio di chemioterapia, che verrà trasformato nel 1997 in day hospital oncologico, dedicandosi inoltre a organizzare un programma di assistenza domiciliare al paziente oncologico in fase avanzata. Nel 1997 diventa coordinatore del dipartimento oncologico della Usl 3 Pistoia, nel 1998 viene nominato responsabile dell’area funzionale medica zona di Pistoia e nel 1998 viene nominato componente della Commissione oncologica regionale.

Tante le manifestazioni di cordoglio, affetto e riconoscenza da parte dei colleghi.

«La grandezza morale e professionale di un uomo e delle sue opere si coglie ancora meglio se si osservano i frutti di ciò che ha seminato circa trent’anni fa, quando ha aperto, nel 1994, uno dei reparti di radioterapia più all’avanguardia in Toscana, portando la sua esperienza a Pistoia direttamente da Careggi. L’introduzione dell’acceleratore lineare, sostituito con un altro nel maggio 2011, ha rappresentato il filo conduttore ideale che ha portato i risultati dell’impegno di una vita professionale dall’ospedale del Ceppo direttamente nel nuovo ospedale, nelle mani della squadra dei suoi allievi, che lui stesso aveva con dedizione, affetto e professionalità curato e fatto crescere per garantire la continuità del suo lavoro e mantenere uno dei centri di eccellenza di radioterapia nel panorama dell’oncologia Toscana».

E ancora: «Andrea Chiavacci è sicuramente uno dei padri dell’oncologia moderna e la forza con la quale ha fondato l’oncologia pistoiese e ha contribuito allo sviluppo dell’oncologia Toscana e nazionale è la stessa forza interiore che ha trovato quando ha dovuto affrontare le dure battaglie della sua vita».

«Andrea, è merito tuo se un malato oncologico trova a Pistoia il meglio delle cure a cui ha diritto».

«Tu hai sempre creduto e spinto anche per modifiche organizzative che garantissero continuità e presenza di più competenze intorno al malato».

«Decisioni cliniche e assistenziali pensate e approfondite sulla singola persona».

«Ci hai trasmesso una grande forza, determinazione ed entusiasmo. Grazie da tutte e tutti noi. Gli amici e i colleghi che hanno lavorato con te».

Per desiderio dello stesso Andrea Chiavacci e dei familiari, chi lo volesse ricordare può farlo con un’offerta per le iniziative di solidarietà del Gruppo Amici di San Domenico: Iban IT12E0867313800000000035121. La salma del dottor Chiavacci è composta nelle cappelle del commiato dell’ospedale San Jacopo. Il funerale sarà celebrato domani alle 15 nella chiesa di San Domenico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Bolkestein

Concessioni balneari, la Toscana “brucia” Roma: c’è l’indennizzo per chi perde l’asta. Chi esulta e chi è perplesso

di Mario Neri