Il Tirreno

Pisa

molina di quosa 

Strada panoramica messa in sicurezza «Ma ora l’asfaltatura»

R.G.
Strada panoramica messa in sicurezza «Ma ora l’asfaltatura»

27 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





SAN GIULIANO. Sarà un cortometraggio, caricato domani sui social, quest’anno, a ricordare a tutti la “Fiera del 28”, nota da anni come l’Agrifiera di Pontasserchio.

Per il secondo anno consecutivo la pandemia ha bloccato la festa e la tradizionale esposizione agricola, ma non le idee di chi ama la sua comunità e le proprie tradizioni. E così un gruppo di residenti dell’antico borgo, aderenti all’associazione culturale Pont’ a Serchio, si è messo in moto raccogliendo immagini e testimonianze. Ne è nato un cortometraggio dedicato alla tradizionale fiera dove si viaggia sul filo dei ricordi, dalla torta co’ bischeri cotta nei forni a legna, a quel mondo contadino e conviviale.

Un lavoro corale guidato dalle sapienti mani di Luca Fruzzetti, che raccoglie le testimonianze di alcuni pontasserchiesi doc sui loro ricordi, emozioni e immagini, tutte legate alla fiera.

Il filo conduttore è stato un pensiero unico: non si può fare la fiera, allora facciamo un film. E il film ha preso corpo. Un cortometraggio dove anche don Marco Giacomino, vice parroco dell’Unità Pastorale di Limiti, Pappiana, Pontasserchio e San Martino Ulmiano, ha voluto lasciare una testimonianza sul legame indissolubile tra fede e “Fiera del 28”.

Il docu-film, grazie alla voce narrante di Daniela Bertini, ospita le interviste di Elisabetta Chiericoni, Mirella Gnesi, Renzo Gori, Mosella Palla, Paola Pasqualetti, Sergio Tognetti e Marianna Trombetta. Con loro il sindaco Sergio Di Maio, l’assessora Lucia Scatena e Marlo Puccetti, presidente dell’associazione culturale Pont’ a Serchio. Il film sarà disponibile da domani sulla pagina Facebook di “Pont’ a Serchio” e nel gruppo “Sei di Pontasserchio se…”. —

R.G.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La tragedia

Con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale toscano della Marina