Il Tirreno

Pisa

avviso della provincia 

Impianti sportivi della Fontina, aperto il bando per la concessione

francesco loi
L’ingresso degli impianti sportivi della Fontina
L’ingresso degli impianti sportivi della Fontina

Associazioni e società interessate possono presentare  domanda entro il 10 settembre: le condizioni richieste

08 luglio 2020
2 MINUTI DI LETTURA





SAN GIULIANO. Aperta la procedura dalla Provincia di Pisa per dare in concessione gli impianti sportivi della Fontina, che comprendono varie tipologie di strutture (calcio a 5, calcio, tennis, atletica, uffici e spogliatoi). Nell’avviso di gara si legge che la Provincia, ente proprietario delle strutture, «intende procedere al recupero funzionale dell’area attraverso la riqualificazione degli impianti».

Sono ammessi a partecipare alla gara le associazioni e le società sportive dilettantistiche che risultino affiliate alle federazioni sportive, agli enti di promozione sportiva oppure alle discipline sportive associate.

Gli interessati possono presentare la propria offerta per la concessione degli impianti entro le 12 del prossimo 10 settembre, con apertura delle buste il 15 settembre nella sede della Provincia in via Nenni. «La durata della concessione, che non può essere superiore a venti anni, è pari al periodo indicato in sede di offerta dal concessionario, al fine di consentire allo stesso l’ammortamento dell’investimento proposto», si legge nell’avvio di gara, dove si aggiunge anche che «l’affidamento in concessione comporta la corresponsione da parte del concessionario di un canone annuo di concessione determinato nell’offerta economica definita in sede di gara che non potrà essere inferiore a 35mila euro».

Il concessionario «deve occuparsi - specifica la Provincia nel bando - della vigilanza dell’area oggetto di concessione, della manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto e della pulizia del verde all’interno del perimetro della struttura, nonché del pagamento delle utenze che afferiscono all’impianto» ed è «obbligato alla realizzazione degli investimenti e delle migliorie presentate in sede di gara».

Gli impianti della Fontina, dopo essere stati occupati e sottratti all’incuria, da tempo sono gestiti regolarmente dall’Associazione Nuova Periferia Polivalente.

Il bando arriva dopo che per mesi Provincia e Comune di Pisa hanno trattato inutilmente una maxi-permuta che non è andata a buon fine proprio per “colpa” degli impianti della Fontina, rifiutati dall’amministrazione comunale nello scambio. Il dialogo tra gli enti prevedeva il passaggio al Comune di Pisa degli impianti sportivi della Fontina, della scuola media Fucini ed annessi, di aree e fabbricati di via Battisti per complessivi 3 milioni e 220.900 euro. Contemporaneamente la Provincia avrebbe acquisito l’area del complesso Marchesi, con la comproprietà dell’area “Mississippi pub” a Tombolo, per 3 milioni e 223.410 euro. —

francesco loi

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Le ultime
L’indiscrezione

«Troppa frociaggine nei seminari»: la frase choc di Papa Francesco