Il Tirreno

Il riconoscimento

È in Toscana il miglior campeggio d'Italia per l’accoglienza dei cani

di Sara Chiarei
È in Toscana il miglior campeggio d'Italia per l’accoglienza dei cani

Il villaggio si è aggiudicato anche quest’anno il prestigioso Acsi Award

05 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Anche nel 2024 il Pappasole Camping Village si è aggiudicato il prestigioso ACSI Award. Si tratta di un premio che viene assegnato dal 2022 da ACSI, specialista dei campeggi in Europa, che oltre ad offrire guide, informazioni, prenotazioni e prodotti per i campeggiatori del vecchio continente, ogni anno chiede direttamente agli utenti di votare la propria esperienza di campeggio basandosi sulle nove categorie prestabilite. Da quando è stato indetto il premio il Pappasole è sempre riuscito a distinguersi e quest’anno, per la prima volta, ha trionfato come miglior campeggio per cani di tutto il Paese.

Se infatti il primo anno la struttura ricettiva piombinese era stata premiata tra i migliori campeggi d’Italia ma in modo generico, senza cioè rientrare in una delle categorie specifiche, nel 2023 vinse nella sezione migliori piazzole per camper. Quest’anno il riconoscimento è stato confermato ma appunto per un’altra categoria, cosa che inorgoglisce ulteriormente la direzione in quanto dimostrazione dell’eccellenza che il camping Village sta impegnandosi a raggiungere su tutti i fronti. «Ogni anno gli ispettori ACSI vengono a controllare che sia tutto a posto - dice Barbara Landi, direttrice commerciale Pappasole - mentre i campeggiatori hanno facoltà di votare dal 15 settembre al 15 gennaio. Abbiamo sempre avuto un occhio di riguardo per i nostri amici a quattro zampe; perciò questo riconoscimento ci fa enormemente piacere». Il Pappasole, oltre ai vati servizi, dispone di un’ampia area di sgambamento e due aree relax all’ombra pensate sia per il cane che per il suo padrone. «Da un paio di anni - sottolinea - abbiamo una convenzione con l’associazione Melograno che da giugno a settembre offre servizi a pagamento su prenotazione che vanno dal dog sitting all’asilo didattico per cani fino ad eventuali consulenze private (comprensive di veterinario comportamentalista). Inoltre pagando la quota richiesta per portare in vacanza il proprio amico a quattro zampe è possibile usufruire di lettini, ciotole e distributori di sacchetti oltre ad essere previste due tipologie di strutture che constano di veranda e cancellini in modo che se il cliente lo desidera può tenere il proprio cane all’interno del recinto". Insomma, una vacanza veramente a misura di "fido".

Ogni anno il Pappasole viene visitato anche dagli ispettori degli automobil club tedesco e olandese i quali per il 2024 hanno assegnato cinque stelle alla struttura della costa piombinese. C’è però un punto. «Ci sentiamo un po’ penalizzati - sottolinea Landi - rispetto ai camping di altre regioni italiane poiché la legge regionale toscana prevede una classificazione delle strutture all’area aperta da 1 a 4 stelle mentre nel Veneto da qualche anno la classifica arriva a 5 stelle come per gli hotel. Quando noi ci presentiamo alle fiere promozionali- conclude- ci troviamo di fronte a strutture che vantano il massimo punteggio quando noi attualmente non abbiamo neppure la possibilità di provare ad ottenerlo e non è sempre banale spiegarlo agli stranieri". In vista della nuova legge regionale sul turismo la FAITA, federazione delle associazioni italiane dei complesso turistico ricettivi all’aperto, sta cercando di raggiungere questo importante obiettivo anche in Toscana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport