Il Tirreno

Il fatto

Piombino, a 13 anni sale sul tetto della scuola (chiusa) e cade per 4 metri: è grave al Meyer

di Gabriele Buffoni

	L'ingresso dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze
L'ingresso dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze

I carabinieri stanno ancora aspettando di poter parlare con il ragazzino per capire meglio le ragioni del suo gesto: cosa sappiamo

28 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Ha scavalcato il cancello della scuola primaria “Perticale” di Piombino – in quel momento chiusa – e dopo essere salito sul tetto dell’edificio è caduto rovinosamente all’interno di uno dei bagni dell’istituto, vittima del cedimento del vetro in plexiglass di uno dei lucernari. Per questo un 13enne residente a Piombino è stato prima condotto all’ospedale di Villamarina e poi, dopo aver riscontrato varie fratture dovute alla caduta, trasferito con l’elicottero Pegaso all’ospedale Meyer di Firenze. Il giovane non è in pericolo di vita.

I fatti risalgono alla giornata di ieri, sabato 27 aprile. Sono le 15 circa quando il 13enne decide – per motivi ancora da chiarire: sul caso stanno cercando di far luce i carabinieri della compagnia di Piombino – scavalca il cancello chiuso della scuola al Perticale e, utilizzando la scala antincendio a pioli posta su un lato dell’edificio, sale sul tetto dell’istituto. È in quel momento però che mette un piede in fallo: calpestando un lucernario in plexiglass questo – forse già danneggiato dal tempo o dall’esposizione costante al sole – cede sotto al suo peso. La caduta è da un’altezza di circa 4 metri e il giovane precipita in uno dei bagni della scuola. Ma resta cosciente e, con il suo cellulare, è lui stesso a chiamare i soccorsi.

Sul posto arriva quindi l’ambulanza della Croce Rossa e così pure la squadra dei vigili del fuoco del distaccamento di Piombino insieme a una pattuglia dei carabinieri: il personale sanitario, per raggiungerlo, è costretto a forzare la porta dell’istituto con l’aiuto dei pompieri. Quindi, una volta stabilizzato il 13enne, decide di portarlo all’ospedale di Villamarina dove vengono svolti i primi accertamenti e deciso il suo trasferimento all’ospedale pediatrico fiorentino. I carabinieri stanno ancora aspettando di poter parlare con il giovane per capire meglio le ragioni del suo gesto.

Primo piano
La tragedia

Argentario, neonato morto su una nave crociera: fermata la mamma, è accusata di omicidio