Il Tirreno

Il lutto

Portoferraio dice addio al maestro Bacigalupi, storico direttore della Filarmonica


	Due belle foto del maestro Bagicalupi (a destra in divisa)
Due belle foto del maestro Bagicalupi (a destra in divisa)

Il ricordo del figlio: «Ciao babbo, ora dirigi il più bel concerto tra gli angeli»

29 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





PORTOFERRAIO. «Ciao babbo, ora dirigi il più bel concerto tra gli angeli». Ha scritto così Riccardo Bacigalupi nel proprio spazio Facebook, perché purtroppo il padre Manrico, noto maestro e storico direttore della Filarmonica Giuseppe Pietri dell'Elba, si è spento all'età di 81 anni, giovedì sera intorno alle 19 all'ospedale di Cisanello di Pisa.

Era ricoverato da tempo per i postumi di un intervento chirurgico. Manrico, oltre a Riccardo, lascia l'altro figlio Armando e tanti familiari e amici che gli volevano bene.

Sono stati proprio i parenti a dare il triste annuncio della morte del maestro Manrico. Una notizia che rapidamente si è diffusa sull’isola, per lo sconcerto delle tante persone che in questi anni avevano conosciuto l’81enne.

Originario di Castelnuovo Magra, in provincia di La Spezia, Manrico Bacigalupi è arrivato all’Elba da allievo della Guardia di Finanza, dove ha percorso una lunghissima carriera diventando luogotenente fino alla pensione. Una carriera che ha affiancato alla sua grande passione per la musica. Trombettista di grande talento Manrico entrò a far parte della Filarmonica Pietri, di cui è stato una colonna e direttore per tanti anni. Memorabili i concerti diretti da lui, andati in scena in tutti i paesi dell'isola. Con maestria e grande sensibilità è riuscito ad affinare le doti di un gruppo musicale composto da soli volontari.

La sua direzione musicale è stata lunga oltre 30 anni. Per il suo valente impegno nell'ambito della Finanza, per le sue doti umane e le capacità tecniche musicali ha conquistato anche il titolo di Cavaliere della Repubblica nel 2015. Notevole la sua capacità come singolo musicista. Con la sua tromba suonava il Silenzio d'Ordinanza alla cerimonia annuale in ricordo della tragedia dello Sgarallino.

È stato insignito anche del Premio Città di Portoferraio al Teatro dei Vigilanti, che gli fu consegnato con una cerimonia nel 2011. In occasione di tutte le edizioni di tale manifestazione dirigeva la Filarmonica. Bacigalupi ha formato tantissime nuove leve della musica, concorrendo anche alla creazione del corso di scuola musicale presso la scuola media Pascoli.

Nel 2010 in tanti ricordano Manrico Bacigalupi partecipare al concerto in Calata a Portoferraio che vide come protagonista il celebre tenore Andrea Bocelli.

Il funerale e la messa in suffragio del Maestro, a cura dell’impresa funebre Posini, si terranno stamani alle 10 alla chiesa di San Giuseppe in località Sghinghetta.

Dopo il rito religioso, recita l'annuncio funerario, la salma verrà trasferita presso il tempio cinerario di Livorno dove avrà luogo la cremazione. Figli e parenti indicano la formula “Non fiori ma opere di bene”.

L'amministrazione comunale di Portoferraio «partecipa al lutto della famiglia – si legge nella nota del Comune – e della Filarmonica elbana Giuseppe Pietri ed esprime ad esse le più sincere condoglianze per la scomparsa di Manrico Bacigalupi, per molti anni apprezzato maestro del complesso bandistico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Le sabbie mobili dei cantieri

Quante opere pubbliche stritolate fra burocrazia e soldi che mancano: i casi in Toscana, i tempi e i progetti

di Barbara Antoni