Il Tirreno

Il progetto

Il clima si studia a Pianosa: inaugurata la base di ricerca del Cnr

Il clima si studia a Pianosa: inaugurata la base di ricerca del Cnr

Si trova nell’ex caserma dei carabinieri Carrozza: «È una infrastruttura che coinvolge tre nostri istituti»

23 giugno 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PIANOSA. Potrà ospitare gruppi di lavoro per progetti di ricerca e formazione sugli ambienti e gli ecosistemi marino e terrestre, le risorse idriche e il clima. Taglio del nastro ufficiale per la Base ricerca Pianosa del Consiglio nazionale delle ricerche (Brp-Cnr) nell’edificio ex caserma carabinieri, messo a disposizione dal Demanio. A tagliare il nastro della nuova struttura il sindaco di Campo nell’Elba Davide Montauti e il direttore dell’Istituto di Geoscienze e Georisorse di Pisa (Cnr-Igg) Antonello Provenzale. «La base di ricerca è un grande risultato per tutti – dice Montauti – , possiamo vedere concretamente che è possibile trasformare le idee in fatti concreti anche qui. E spero che sia una risorsa per tutto l’Arcipelago».

Con i suoi 25 posti letto distribuiti in 11 camere, cucina, uffici, laboratori e spazi per la divulgazione scientifica, la Brp-Cnr costituisce una infrastruttura strategica in grado di ospitare gruppi di lavoro e s’inserisce in un laboratorio naturale, quale è l’isola di Pianosa con le sue peculiari caratteristiche climatiche, idrologiche, morfologiche, geologiche e biologiche che offrono numerose possibilità per ricerche scientifiche monotematiche e integrate sui due macro-ambienti terra e mare. «È una infrastruttura per la ricerca che coinvolge tre istituti del Cnr – dice la presidente Cnr, Maria Chiara Carrozza –. La base coniuga l’approccio multi disciplinare ai cambiamenti climatici, ma è soprattutto aperta, come dimostrano alcuni studi già in corso, alla interazione con altri enti di ricerca e partner europei e internazionali».

La base sta già ospitando e supportando diverse attività. ll progetto “PianosAquifer” è stato attivato dall’Istituto di Geoscienze e Georisorse di Pisa (Cnr-Igg) e prevede di verificare gli effetti degli andamenti climatici sulla risorsa idrica sotterranea in un ambiente insulare con condizioni di stress idrico ben rappresentative del quadro idro-climatico della regione mediterranea. «Pianosa grazie alla sua posizione nel Mediterraneo rappresenta un laboratorio naturale ideale per lo studio dei cambiamenti climatici», sottolinea Provenzale. L’altro progetto in corso, “Hydro-Island”, è svolto nell’ambito di un programma Unesco ed è focalizzato sugli impatti dei cambiamenti climatici sulle risorse idriche delle piccole isole e sui loro ecosistemi. La base sostiene Marco Doveri, Cnr-Igg e coordinatore scientifico Brp-Cnr è una «infrastruttura strategica di supporto a ricerche scientifiche e a programmi di formazione, con ricadute fino alla scala internazionale vista la rappresentatività del sito nel contesto dei cambiamenti climatici del bacino Mediterraneo». Le fa eco Sandra Trifirò, Cnr-Igg e supporto tecnico-scientifico e logistico Brp-Cnr: «La base vuole essere un centro di networking per ricercatori provenienti da discipline diverse in grado di promuovere sinergia di ricerca e curiosity driven anche in tematiche urgenti come i cambiamenti climatici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Il caso
Il capo dello Stato

Mattarella richiama Piantedosi: «L’autorevolezza della polizia non sono i manganelli»

di Libero Red Dolce
Le nostre iniziative