Il Tirreno

la maxi inchiesta  

Traffico illecito di rifiuti Il Comune si è costituito parte civile al processo

28 aprile 2021
1 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. L’amministrazione lo aveva preannunciato mesi fa. E in queste ore ha mantenuto la parola.

Il Comune di Piombino si è infatti costituito parte civile nel processo che vede oltre 40 indagati per il presunto traffico illecito di rifiuti che, seppur in minima parte rispetto al cuore dell’inchiesta, riguarda anche il conferimento di rifiuti nella discarica di Ischia di Crociano. Oggi, infatti, proseguirà l’udienza preliminare in cui si deciderà se rinviare a giudizio gli indagati.

«Fin dall’inizio del procedimento – spiega il sindaco Francesco Ferrari – avevamo deciso di presentare l’atto di costituzione di parte civile; successivamente anche altri Comuni interessati dalla vicenda hanno deciso di procedere in tal senso: a seguito della verifica da parte del Gup, tutte le richieste sono state accolte. Siamo convinti che la città abbia subito un danno e riteniamo giusto prendere parte al processo. Vedremo se il Gup deciderà per il rinvio a giudizio degli indagati segnando così l’inizio del vero e proprio processo penale a loro carico». —



Primo piano
La tragedia

Con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale toscano della Marina